Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Venerdì 16 ottobre 2020 - 10:29

Ricerca, Statale con ESA per studiare fluidi complessi nello spazio

Esperimenti sulla ISS per sviluppare tecnologie in campo biomedico
Ricerca, Statale con ESA per studiare fluidi complessi nello spazio

Roma, 16 ott. (askanews) – Studiare il comportamento dei fluidi complessi nello spazio con l’obiettivo di sviluppare nuove tecnologie di interesse in ambito farmaceutico e biomedico.

Questo l’obiettivo del progetto Technologies for Non-Equilibrium Systems (TechNES), finanziato dall’Agenzia spaziale europea (ESA), e condotto da un gruppo di ricerca internazionale, coordinato da Alberto Vailati, docente del dipartimento di Fisica “Aldo Pontremoli” dell’Università Statale di Milano, con il coinvolgimento del gruppo di Roberto Cerbino, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche e Medicina traslazionale e in collaborazione con il partner industriale NanoTemper Technologies (DE) .

Il progetto TechNES – informa la Statale – prevede una serie di esperimenti sulla Stazione Spaziale internazionale che permetteranno di comprendere come si miscelino tra loro i fluidi complessi in assenza di gravità, con l’obiettivo di mettere a punto tecniche diagnostiche avanzate per lo studio di liquidi in condizioni di non equilibrio. In questo senso, sarà centrale per il progetto, la ventennale esperienza del dipartimento di Fisica della Statale nello studio dei fluidi in assenza di gravità. Il gruppo di Roberto Cerbino, del dipartimento di Biotecnologie Mediche e Medicina traslazionale, invece, nello specifico, metterà a punto una nuova tecnica di microscopia dinamica differenziale a due colori.

Oltre ai due gruppi della Statale, partecipano al progetto l’Università di Pau e dei Paesi dell’Adour (FR), l’Università di Bayreuth (DE), l’Università Complutense di Madrid, che vantano un’esperienza pluriennale nello studio di fluidi sottoposti a gradienti termici in condizioni di assenza di gravità.

La collaborazione con NanoTemper Technologies, società High-Tech tedesca specializzata nella produzione di strumentazione avanzata per lo studio di soluzioni di proteine, permetterà, infine, di trasferire l’esperienza acquisita con gli esperimenti nello spazio alla realizzazione di nuove tecniche ottiche diagnostiche per lo studio della stabilità di proteine in soluzione, aspetto di grande rilevanza per lo sviluppo di biofarmaci proteici.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su