Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Venerdì 16 ottobre 2020 - 11:53

ArianeGroup: tutti pronti i motori per nuovo lanciatore Ariane 6

Dopo il successo dei test di qualificazione del motore P120C
ArianeGroup: tutti pronti i motori per nuovo lanciatore Ariane 6

Roma, 16 ott. (askanews) – I tre motori per il nuovo lanciatore europeo Ariane 6 sono ora pronti, dopo il successo dei test di qualificazione del motore a propulsione solida P120C il 7 ottobre presso il Guyana Space Center di Kourou. Le campagne di prova di qualificazione per i motori a propulsione liquida Vinci e Vulcain 2.1 – informa ArianeGroup – si sono svolte rispettivamente nel 2018 e nel 2019 e ora i motori sono pronti per essere montati sullo stadio principale a Les Mureaux e sullo stadio superiore a Brema.

Il motore Vulcain 2.1 core a propulsione liquida, che produce una spinta di 140 tonnellate (1.370 kN), è pronto da luglio 2019. Il motore riaccendibile Vinci di stadio superiore, con le sue 18 tonnellate metriche di spinta (180 kN), ha completato il suo prove di qualificazione nell’ottobre 2018.

I tre tipi di motori del futuro lanciatore europeo utilizzano due diverse tecnologie di propulsione: propulsione idrogeno-ossigeno liquido per il motore Vulcain 2.1 dello stadio principale e il motore Vinci riaccendibile nello stadio superiore; propulsione solida per il motore P120C montato sui booster che spingono Ariane 6 oltre il campo gravitazionale dell’atmosfera terrestre.

“I tre motori di Ariane 6 sono ora pronti! Questo è un passo importante nello sviluppo del nuovo lanciatore europeo. I motori sono tradizionalmente tra i componenti più complessi e strategici di qualsiasi progetto spaziale. Il successo del P120C nella configurazione Ariane 6 è anche il primo test di ‘sistema’ del nostro lanciatore europeo, che ha così superato una delle fasi più critiche del suo sviluppo. I motori Vulcain 2.1 e Vinci per il volo inaugurale Ariane 6 sono già stati consegnati ai siti interessati di Brema, in Germania, e Les Mureaux Francia, per l’integrazione con i rispettivi stadi, dopo aver sostenuto i primi test di accensione di completamento della produzione, per accertarne il corretto funzionamento. Vorrei esprimere i miei più sentiti ringraziamenti a tutti in ArianeGroup e ai nostri partner industriali per questo importante successo del team spaziale europeo, in un contesto difficile per tutti” ha affermato André-Hubert Roussel, CEO di ArianeGroup.

“Il successo del test del P120C – ha dichiarato Morena Bernardini, Direttore delle Strategie di ArianeGroup – è motivo di soddisfazione per ArianeGroup e tutti gli attori coinvolti nel progetto. Quest’ultimo test motore è stato anche il primo test ‘di sistema’ del booster per il nuovo lanciatore europeo, che prevede un ugello pilotato da martinetti elettrici alimentati da celle termiche (una novità mondiale nell’accensione tramite laser e fibra ottica). La forza dell’industria spaziale europea sta nella collaborazione su progetti comuni e così dovrà continuare se vogliamo garantire un accesso autonomo allo spazio competitivo anche in futuro”.

Il razzo P120C equipaggerà Ariane 62 (Ariane 6 nella sua configurazione con due booster) e Ariane 64 (quattro booster), nonché il primo stadio del lanciatore Vega-C. Questo terzo e ultimo test di successo del razzo P120C a propellente solido, nella configurazione Ariane 6, apre la strada alla qualificazione finale del P120C da parte dell’Agenzia spaziale europea (ESA). Lo stesso test ha convalidato anche le interazioni tra mezzi “di terra” e apparecchiature “di bordo” grazie a un nuovo bus di comunicazione tecnologico.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su