Header Top
Logo
Mercoledì 15 Agosto 2018

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 13 marzo 2018 - 12:06

Partnership Altec e DigiSky per monitoraggio aereo del territorio

Accordo frutto dell'esperienza con il progetto Smat in Piemonte
Partnership Altec e DigiSky per monitoraggio aereo del territorio

Milano, 13 mar. (askanews) – Le aziende torinesi, DigiSky e Altec (società partecipata da Thales Alenia Space e Agenzia Spaziale Italiana) svilupperanno e commercializzeranno un sistema integrato di acquisizione e gestione dati provenienti dal monitoraggio della superficie terrestre con velivoli leggeri equipaggiati con sensori avanzati.

L’accordo prevede l’acquisizione da parte di Altec del 25% delle quote di DigiSky, azienda innovativa specializzata nello sviluppo di elettronica di bordo per i velivoli di Aviazione generale, fondata nel 2007 dall’astronauta italiano dell’Esa Maurizio Cheli e da Paolo Pari, che opera con successo nel settore delle tecnologie per il monitoraggio aereo.

L’ingresso di Altec in DigiSky si basa sulla ricerca svolta da entrambe le aziende nel progetto piemontese Smat di monitoraggio avanzato del territorio con piattaforme aeree e droni. Altec offrirà le sue competenze nel processamento e nella gestione dei dati, maturate nelle attività di controllo e logistica della Stazione Spaziale Internazionale, mentre DigiSky metterà a disposizione la sua tecnologia avionica avanzata, le sue capacità di acquisizione di dati aerei e la sua rete commerciale, che si avvale anche del network globale dell’azienda campana Tecnam, leader mondiale nella produzione di velivoli di Aviazione generale e ultraleggeri.

Si tratta di uno dei primi esempi concreti in Italia di “Space Economy” in logica “Open Innovation” in un mercato estremamente complesso, finalizzato alla creazione di nuove opportunità di investimento e di sviluppo a vantaggio dell’intero settore.

“Fin dalla costituzione di DigiSky abbiamo lavorato con Paolo Pari allo sviluppo di nuovi metodi di approccio al lavoro aereo che oggi intendiamo portare sul mercato. Unendo la tecnologia che abbiamo sviluppato in DigiSky per il telerilevamento in volo e quella di Altec per l’elaborazione e la gestione dei dati sarà possibile realizzare un sistema integrato accessibile ad Imprese ed Enti Pubblici per una migliore gestione delle risorse territoriali”, ha affermato Maurizio Cheli, co-fondatore di DigiSky e astronauta a bordo dello Shuttle Columbia nel 1996 (primo astronauta italiano a ricoprire il ruolo di “mission specialist”).

“L’accordo con Digisky è per me un grande motivo di soddisfazione perché rappresenta la realizzazione concreta nel territorio torinese di quella Space Economy di cui l’Agenzia Spaziale Italiana, nostro azionista insieme a Thales Alenia Space, si è fatta promotrice in questi anni”, ha aggiuntoFabio Massimo Grimaldi, Presidente di Altec.

“Questa operazione mette a frutto il lavoro svolto nell’ambito del progetto di ricerca Smat co-finanziato dalla Regione Piemonte, trasformandolo in un prodotto di mercato con un posizionamento, nella promettente nicchia dei servizi di tele-rilevamento, intermedio tra quello offerto dai sistemi satellitari e quello offerto dai piccoli droni”, ha concluso Vincenzo Giorgio, Ad di Altec.

“La ratifica di questa operazione – ha concluso Paolo Pari – è una grande soddisfazione, sia per il felice esito di una complessa trattativa che ha dovuto compendiare le esigenze di una microimpresa con quelle di una grande impresa sia perché offre a DigiSky l’opportunità di accelerare il proprio progetto industriale ed abilitarlo su mercati con il supporto di un socio affermato. DigiSky è cresciuta fino ad oggi raggiungendo con tenacia alcuni importanti traguardi tra cui l’insediamento di una base sull’aeroporto di Torino Aeritalia, il riconoscimento Enac/Easa per i processi di progettazione e produzione avionica, la detenzione di alcune privative industriali. Ora l’ingresso di Altec nel capitale sociale ci consentirà di affrontare il mercato internazionale mantenendo le nostre caratteristiche di capacità inventiva e dinamicità”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su