Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Giovedì 27 ottobre 2016 - 19:14

Spazio, Aipas: tecnologie utili per una maggiore sostenibilità

Lo ha spiegato il presidente Giovanni Sylos Labini
20161027_191406_AD51A4BD

Roma, 27 ott. (askanews) – Le tecnologie legate alle attività spaziali hanno importanti ricadute sul tema della sostenibilità ambientale e aiuteranno sempre di più l’umanità a preservare il pianeta. Lo ha spiegato Giovanni Sylos Labini, presidente dell’Aipas, l’associazione delle imprese per le attività spaziali, nel corso dell’evento “Space4Sustainability”, che si è tenuto al termine della conferenza nazionale dell’associazione.

“La grande sfida del futuro – ha spiegato il presidente Aipas – è quello che si chiama il Nexus, cioè la connessione tra il cibo, l’acqua e l’energia”, componenti “tutte orchestrate dal clima. Le tecnologie spaziali ofrono un eccezionale strumento sia per controllare la qualità dell’acqua o, giusto per fare un esempio, per controllare gli impianti di desalinizzazione in uno scenario in cui al 2050 ci dobbiamo aspettare che la domanda di cibo aumenti del 70%, la domanda di acqua del 50%, la domanda di energia dell’80%. Il tutto preservando la sostenibilità del pianeta. E poi naturalmente c’è tutta un’altra componente” delle attività spaziali “che è parente della sostenibilità, perché sono l’unico strumento per consentirci di raggiungere altri pianeti e quindi aumentare le possibilità di sostenibilità”, intesa come sopravvivenza, “della nostra specie”.

Alla conferenza nazionale annuale Aipas hanno partecipato Maria Cristina Falvella (capo unità Strategie e politica industriale dell’Asi – Agenzia spaziale italiana), Ludovica Agrò (direttore dell’Agenzia per la coesione territoriale), il colonnello Paolo Puri (consigliere militare vicario della Presidenza del Consiglio e promotore della Cabina di regia sullo spazio istituita a Palazzo Chigi), Stefano Firpo (direttore generale per la politica industriale, la competitività e le pmi del ministero dello Sviluppo economico), il senatore Salvatore Tomaselli (fimatario del disegno di legge sul riordino dell’Agenzia spaziale italiana) e il deputato Gianluca Benamati (referente dell’Intergruppo parlamentare Spazio). Il tema affrontato è stato “Ministeriale Esa 2016, European Space Strategy e Piano Space Economy”.

L’Aipas, fondata a Roma nel 1998, rappresenta 33 imprese per un totale di 1400 dipendenti e un fatturato complessivo di 160 milioni di euro.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su