Header Top
Logo
Sabato 16 Dicembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
colonna Sinistra
Martedì 27 settembre 2016 - 09:05

Nasa, sulla luna di Giove Europa c’è vapore acqueo

Battiston (Asi): condizioni vita più comuni di quanto pensassimo
20160927_090535_56A42FAA

Roma, 27 set. (askanews) – La Nasa attraverso le osservazioni del telescopio Hubble ha scoperto che sulla luna di Giove, Europa, ci sarebbero dei pennacchi (enormi geyser) di vapore acqueo. Si tratta di un momento storico, visto che la presenza di acqua sul corpo celeste, soprattutto sotto forma di ghiaccio, potrebbe aver creato le condizioni per lo sviluppo della vita.

Inoltre la Nasa ha evidenziato come su Enceladus, un’altra luna di Giove, ci sarebbe un mare. La scoperta “aumenta le speranze che l’acqua e altri materiali contenuti dall’oceano di Europa potrebbero essere sulla superficie e darebbe così a noi la possibilità di atterrare e di studiarli senza perforare il ghiaccio per diversi chilometri”, ha detto Paul Hertz, direttore della divisione di astrofisica della Nasa.

La luna gioviana si confermerebbe dunque come uno dei corpi celesti maggiormente indicati per ospitare la vita la vita nel Sistema solare.

“Quanto annunciato dalla Nasa – dice Roberto Battiston Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana – confermerebbe come ciò che consideravamo raro e introvabile, le condizioni per la vita, siano più comuni di quanto pensassimo e non lontano da noi. La possibile conferma che su Europa, come sulla luna di Saturno Encelado, corpi celesti la cui crosta superficiale galleggia su di un oceano d’acqua, vi sia attività termodinamica, evidenzia l’importanza dell’esplorazione e dello studio dei pianeti e satelliti del nostro sistema solare, non solo per capire i segreti della loro formazione ma anche quello che celano al loro interno”.

“L’Italia con la l’ASI – conclude Battiston – può vantare di essere presente, o che lo sarà a breve, in quasi tutti gli angoli del sistema solare, convinta che la ricerca della vita può trovare la sua risposta non lontano da noi”.

I primi indizi della presenza di geyser sulla superficie di Europa erano già stati raccolti nel 2012 dai ricercatori del Southwest Research Institute a San Antonio, in Texas, i primi a scoprire prove dirette dell’esistenza di pennacchi di vapore alti fino a 160 chilometri nella regione del polo sud.

Questa ipotesi viene confermata ora dal gruppo di William Sparks, dello Space Telescope Science Insitute di Baltimora, che grazie ad Hubble è riuscito a osservare la presenza dei geyser durante il transito di Europa davanti a Giove in tre diverse occasioni nell’arco di 15 mesi.

L’attenzione è così concentrata su Europa perché ricerche recenti condotte dal Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa indicano che nell’oceano nascosto di Europa potrebbe esserci il giusto equilibrio chimico per sostenere la vita. Su Europa sarebbe infatti attivo un ciclo di produzione di idrogeno e ossigeno simile a quello del nostro pianeta tanto da poter alimentare la vita.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
Torna su