lunedì 23 gennaio | 05:39
pubblicato il 01/dic/2016 13:36

Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto

UniTrento: i neonicotinoidi dannosi anche a basse concentrazioni

Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto

Roma, 1 dic. (askanews) - Anche se in dosi molto inferiori a quelle letali i neonicotinoidi, tra i pesticidi più utilizzati in agricoltura e già considerati una delle possibili cause del costante declino della popolazione di api in tutto il mondo, danneggiano l'olfatto di questi insetti, indispensabile per le comunicazioni all'interno dell'alveare e quindi per la capacità riproduttiva della colonia. Uno studio dell'Università di Trento (CIMeC e Dipartimento di Fisica), pubblicato oggi sulla rivista Scientific Reports, riporta gli effetti dannosi che l'insetticida più usato al mondo (Imidacloprid) ha sul cervello degli insetti, nell'ambito della memoria, dell'orientamento e, per la prima volta, della perdita dell'olfatto.

L'impiego di questo insetticida, derivante dalla nicotina e introdotto a partire dagli anni Ottanta come alternativa sicura al DDT, è stato regolamentato più volte negli ultimi anni da direttive nazionali e comunitarie ma il dibattito attorno alla sua pericolosità soprattutto per gli invertebrati terrestri e gli insetti impollinatori è ancora aperto. Alte concentrazioni di questo insetticida provocano nelle api convulsioni e morte. Ma i problemi - come si rileva nello studio - si registrano anche a concentrazioni più basse. Si è osservato che, nonostante le restrizioni imposte dalle normative (ad esempio il divieto di irrorazione durante la fioritura in Trentino Alto Adige), l'assimilazione di questo pesticida da parte delle api rimane alta, come dimostrano le concentrazione rilevate nel cervello. Un problema che potrebbe derivare dal mancato rispetto delle regole, dall'esposizione tramite altri canali (polvere o guttazione, traspirazione di acqua dalle foglie) oppure dalla persistenza di questa sostanza nell'ambiente nell'arco di vari mesi.

"I principi attivi di questo tipo di pesticidi - spiega Albrecht Haase del CIMeC - sono altamente neurotossici: si legano ai recettori della nicotina nelle sinapsi e bloccano il trasporto delle informazioni a livello cerebrale. Il nostro studio dimostra che i danni si rilevano non soltanto nelle funzioni avanzate, più sofisticate, del cervello delle api, ma anche in quelle di base, fondamentali, come l'olfatto. Un canale di comunicazione importante tra le api avviene infatti per via chimica, attraverso i feromoni. Cambiamenti anche molto piccoli legati alla riduzione dell'olfatto possono compromettere seriamente la vita di un alveare perché si riflettono sulla sua organizzazione sociale e sulla capacità riproduttiva della colonia. Ad esempio, se l'informazione sulla malattia dell'ape regina non arriva correttamente alla colonia, le api non avvieranno i meccanismi che stanno alla base della produzione di nuove regine e l'alveare sarà destinato al collasso".

Lo studio del Laboratorio di Neurofisica (CIMeC e Dipartimento di Fisica), sfrutta tecnologie di imaging per analizzare gli effetti dei neonicotinoidi sui singoli recettori e sui singoli neuroni. Si tratta del primo passo nell'ambito di un progetto più vasto ("Effetti subletali di neonicotinoidi sul cervello delle api: dalle immagini a singolo neurone agli studi sulla famiglia") che includerà anche analisi delle conseguenze a livello comportamentale di ciascuna ape in laboratorio e delle colonie nell'ambiente. Il progetto, che ha ricevuto un finanziamento triennale dalla Provincia autonoma di Bolzano, coinvolgerà anche l'Università di Bolzano (Facoltà di Scienze e tecnologia) e la Fondazione Edmund Mach.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Maltempo
Hotel Rigopiano, Conapo: cinofili vvf dell'Abruzzo lasciati a casa
Maltempo
Hotel Rigopiano: il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4