giovedì 28 luglio | 08:30
pubblicato il 23/dic/2015 15:51

Herambiente si rafforza con acquisizione di Waste Recycling

Azienda attiva in distretto industriale in provincia di Pisa

Roma, 23 dic. (askanews) - Herambiente (gruppo Hera) completa l'acquisizione del 100% di Waste Recycling e delle società interamente controllate Neweco e Rew Trasporti. Lo comunica l'utility emiliana, sottolineando che "si tratta di un'operazione importante per Herambiente e per tutta la multiutility, che aggiunge così un altro tassello al proprio perimetro societario".

Waste Recycling, spiega Hera, "è una realtà consolidata e ben posizionata all'interno di un importante distretto industriale, in provincia di Pisa, che rappresenta un'eccellenza nel panorama italiano degli operatori di filiera nel trattamento e nel recupero di rifiuti speciali". L'azienda, infatti, "svolge da oltre 20 anni l'attività di raccolta, stoccaggio, trattamento, smaltimento e selezione di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, sia solidi sia liquidi, attraverso le due sedi produttive di via Malpasso e via Usciana a Castelfranco di Sotto (Pisa)".

(segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Scuola
Lombardia, insegnanti denunciano: 9 su 10 bocciati al concorso
Piemonte
Torino, Appendino riceverà Elkann venerdì in Comune
Fisco
Bergamo, giro di fatture false per 270 mln nel comparto dei filati
Roma
Roma, Assemblea capitolina sospesa per assenza Giunta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Atleti, vincere con l'ipnosi: i consigli degli psicologi per Rio
Motori
Auto, agli italiani non piace la decappottabile
Enogastronomia
Dal 3 al 5 settembre a Verona torna il festival Soave Versus
Turismo
Turismo, nasce il sistema della ciclovie nazionali
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Enerray si aggiudica bando Enel Gp in Brasile
Sostenibilità
Enel riconfermata nell'indice Ftse4Good
TechnoFun
Social media, Viravox monetizza le attività di condivisione
Scienza e Innovazione
Sonda Rosetta, interrotte le comunicazioni con il robot Philae
Sistema Trasporti
Renzi: il 22/12 Salerno-Reggio pronta, non si ride più di Italia