domenica 04 dicembre | 01:11
pubblicato il 18/ott/2016 15:00

Terremoto, sindaco: oggi gente Amatrice non sarà più nelle tende

In arrivo le roulotte dalla Regione Lazio

Roma, 18 ott. (askanews) - Oggi, dopo il sisma del 24 agosto che ha devastato la zona, "la gente di Amatrice non sarà più nelle tende. E' stato fatto un lavoro straordinario grazie alla Protezione Civile e gli psicologi. Nelle tende erano rimaste le ultime persone, soprattutto allevatori. Gente abituata a lottare contro le avversità. Stavano aspettano le roulotte che arriveranno oggi dalla Regione Lazio e la Protezione Civile": lo ha detto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, ospite di "Sport2000" il programma sportivo di Tv2000.

"Dopo 48 giorni, un periodo record perché a L'Aquila le tende sono rimaste da aprile fino a ottobre - ha aggiunto Pirozzi - la gente troverà la propria sistemazione e dignità. La mia gente ha capito che per avere le case bisognava liberare le aree. Siamo un popolo di gente sfrattata a tempo e non di terremotati perché chi è terremotato lo è per tutta la vita. Noi ritorneremo nelle nostre case".(Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Spettacolo
Ordine di Malta: Antonio Polese non era un cavaliere di Malta
Incidenti lavoro
Operaio di 23 anni muore a Torino in azienda di panettoni
Immigrati
Torino, presidio di Forza Nuova contro occupazione ex Moi
Incidenti lavoro
Operaio di 23 anni muore a Torino in azienda di panettoni-rpt
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari