venerdì 20 gennaio | 23:16
pubblicato il 13/gen/2017 19:27

Vertenza Almaviva, bene incontro a Palermo sindacati-presidente

Slc Cgil: ok volontà azienda di puntare su capoluogo siciliano

Palermo, 13 gen. (askanews) - Incontro a Palermo dei sindacati delle telecomunicazioni con il nuovo presidente di Almaviva Contact, Andrea Antonelli, che ha annunciato di voler puntare su Palermo come sede centrale dell'attività.

"E' stato un incontro per esaminare le criticità del gruppo e le nuove prospettive. Antonelli ci ha ribadito che Almaviva sta puntando moltissimo su Palermo e che Palermo potrebbe diventare il centro più importante d'Italia. Parole molto belle - afferma il segretario Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso - che però devono essere supportate da fatti concreti. Come Slc siamo molto interessati a conoscere, oltre alle analisi, quale sia il progetto industriale per far sì che Palermo diventi sul serio il centro numero uno Almaviva in Italia".

L'Slc Cgil ha avanzato durante l'incontro alcune proposte: l'introduzione della contrattazione di secondo livello, assente in questo momento, come strumento essenziale dell'organizzazione del lavoro per aumentare la produttività; l'introduzione della flessibilità; una formazione costante e continua dei lavoratori "per essere competitivi in un mercato che ancora alla periferia di Industria 4.0 può essere di grandissima espansione". Necessaria anche, secondo l'Slc, la sigla di un "patto" tra attori istituzionali, parti sociali e azienda per il rispetto assoluto delle regole, con sanzioni per chi delocalizza in modo selvaggio e lo stop agli appalti al massimo ribasso, nel rispetto dei contratti collettivi nazionali di lavoro.

"La crisi dei call center nasce da quando cominciano le delocalizzazioni. Il piano industriale che chiediamo - aggiunge Rosso - deve mirare alla ricerca di nuovi mercati e soprattutto alla professionalizzazione avanzata dei lavoratori per creare una totale fidelizzazione con l'azienda e per creare occupazione strutturata in Sicilia, regione che conta 20mila occupati nel settore. Crediamo - conclude Rosso - che l'industria dei call center sia la nuova industria dei servizi, e potrà portare tante occasioni di sviluppo. E finalmente ci auguriamo che questa farsa dei trasferimenti dei lavoratori a Rende sia finita, che Almaviva ed Exprivia metta la parola fine, dal momento che parliamo di un mondo dove è facilissimo trasferire il lavoro ma non è necessario che si trasferiscano i lavoratori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Almaviva, Zingaretti: non lasceremo soli i lavoratori
Campidoglio
Roma, Dup: in Comune mancano 8.800 addetti. Oltre 2.600 vigili
Campidoglio
Roma, Dup: Metro C prosegue fino ai Fori. Stop tratta Clodio
Piemonte
Torino, sequestrati da Gdf 550mila ricambi d'auto contraffatti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4