martedì 28 febbraio | 12:00
pubblicato il 16/feb/2017 16:04

Salute, Legambiente: dare un taglio allo smog sia priorità Governo

Scattata seconda fase procedura infrazione Ue su biossido azoto

Roma, 16 feb. (askanews) - "È arrivato il momento di fare in fretta, per evitare di dover pagare una multa salatissima - circa un miliardo di euro per intenderci - e per tutelare la salute dei cittadini, perché di smog si muore. L'Organizzazione mondiale della sanità parla di 400 mila morti all'anno in Europa per via dell'inquinamento atmosferico, di cui 20mila in Italia, in base ai dati del 2015. Le soluzioni per ridurre lo smog esistono, metterle in pratica deve diventare una priorità di governo, con provvedimenti e interventi nazionali e locali". Così la presidente di Legambiente Rossella Muroni sul parere motivato inviato ieri all'Italia dalla Commissione europea, che apre la seconda fase della procedura d'infrazione che contesta al nostro paese il superamento dei limiti di biossido di azoto nell'aria in violazione della direttiva del 2008.

"La Ue - prosegue Muroni - ci contesta di non aver adottato le misure sufficienti per contenere gli sforamenti di biossido di azoto. Più aspettiamo, più aumentano i rischi per le persone, più cresce la sanzione, senza considerare che nel giro di un mese circa dovrebbe arrivare anche il parere motivato della procedura d'infrazione relativa al pm10. Da tempo sosteniamo la necessità di istituire un coordinamento permanente tra i diversi livelli di governo del territorio, per uscire dalla logica dell'emergenza e riuscire ad essere efficaci nell'azione, pianificando in maniera diversa gli investimenti per la riqualificazione e l'innovazione edilizia, per la mobilità pubblica, il riscaldamento, il verde e gli spazi urbani".

Per quanto riguarda il pm10, a un mese e mezzo dall'inizio dell'anno, 14 città italiane hanno già quasi esaurito i 35 giorni di sforamento dei limiti di concentrazione (50microgrammi per metro cubo) consentiti dalla legge. Cremona (34 giorni), Frosinone (34), Torino (33), Vicenza (29), Reggio Emilia (29), Asti (28), Modena (28), Padova (28), Milano (27), Pavia (27), Treviso (26), Venezia (26), Alessandria (25), Piacenza (25) hanno superato il limite per il pm10 almeno per 25 giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Campidoglio
Roma, Fassina: convegno su Gaza è sospeso per approfondire
Moda
La moda ricorda Franca Sozzani con messa a Milano, c'è anche Renzi
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech