mercoledì 22 febbraio | 21:07
pubblicato il 03/feb/2015 15:31

In Piemonte più chiusure che nuove aperture tra le imprese

Unioncamere: saldo negativo per 1.989 unità nel 2014

Torino, 3 feb. (askanews) - Il numero delle imprese che hanno chiuso in Piemonte supera quello delle aperture nel 2014. Ne dà notizia Unioncamere Piemonte.

In base ai dati del Registro imprese delle Camere di commercio, nel 2014 sono nate 26.386 aziende in Piemonte, a fronte delle 28.630 nuove iscrizioni registrate nel corso del 2013. Al netto delle 28.375 cessazioni (valutate al netto delle cancellazioni d'ufficio, in diminuzione rispetto alle 31.119 del 2013), il saldo è negativo, per il terzo anno consecutivo, per 1.989 unità, dato che porta a 447.035 lo stock di imprese complessivamente registrate a fine dicembre 2014.

Il bilancio tra nuove iscrizioni e cessazioni si traduce in un tasso di crescita del -0,44%, in lieve miglioramento rispetto al -0,54% del 2013. Il dato piemontese risulta in controtendenza rispetto a quello registrato a livello complessivo nazionale (+0,51%). (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lazio
Fiumicino: inaugurato il Ponte del 2 giugno, 50 giorni di lavori
Yara
Caso Yara, testimone Bigoni a Oggi: madre Bossetti dice la verità
Roma
Sciopero dei mezzi a Roma, la situazione di metro, bus e treni
Taxi
Protesta Taxi, Federfarma Roma: siamo con loro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech