martedì 24 gennaio | 16:31
pubblicato il 30/nov/2016 16:42

Il congedo di Harun Farocki: i videogiochi e l'idea di realtà

In Fond. Sandretto a Torino l'ultima opera dell'artista tedesco

Il congedo di Harun Farocki: i videogiochi e l'idea di realtà

Torino, 30 nov. (askanews) - La realtà e la sua rappresentazione: due termini che, dalle grotte di Lascaux fino alla più avanzate ricerche contemporanee, continuano ad accompagnare i ragionamenti sulle arti visive. Ma che succede quando la realtà non è più il punto di riferimento per le rappresentazioni? Su questo si è interrogato l'artista e regista tedesco Harun Farocki nel suo ultimo lavoro prima della morte. Si tratta di "Parallel I-IV", che è stato acquisito e viene ora esposto dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, con la curatela di Irene Calderoni. Una videoinstallazione a quattro canali che si concentra sul linguaggio dei videogame.

"Il tema dell'immagine digitale - ci ha detto la curatrice - è già presente nel lavoro di Farocki, prima di questo e da tempo lui si interrogava sul rapporto tra l'occhio, la macchina e il modo in cui le nuove tecnologie danno forma a un'immagine completamente nuova che, nelle sue parole, ha la peculiarità di non rappresentare più una realtà esistente a di fuori, ma di dare vita a una nuova epoca per l'immagine: un'epoca di costruzione, non più di rappresentazione e riproduzione della realtà".

Le regole del gioco, è quindi il caso di dire, sono diverse ora, e questa diversità diventa la cifra di un mondo a parte, attraverso il quale però Farocki persegue una volta di più il proprio tentativo di indagare visualmente i meccanismi alla base degli immaginari contemporanei. Con più di una variazione sul tema delle grandi domande dell'umanità.

"Farocki - ha aggiunto Irene Calderoni - si chiede: questo mondo forse è creato solo per noi e scompare quando noi non siamo più qui, riproducendo nell'ambito del digitale una classica domanda filosofica".

Una domanda alla quale, dopo Kant, hanno provato a rispondere, per esempio, la letteratura di fantascienza - bastino i nomi di Philip Dick o William Gibson - e più recentemente pure il cinema mainstream. Ma che continua, come è giusto che sia, a rimanere aperta a diverse interpretazioni, tra le quali quella di Harun Farocki, immersiva e affascinante.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Tlc
Tlc, prima gara per banda ultralarga: domani graduatoria aziende
Assenteismo
Assenteismo, a Giugliano (Na) 18 dipendenti comunali sospesi
Maltempo
Tre cuccioli salvati dalle macerie dell'Hotel Rigopiano
Maltempo
Rigopiano, vigili del fuoco: dispositivo soccorsi adeguato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4