venerdì 20 gennaio | 17:52
pubblicato il 01/dic/2016 14:35

Almeno 300 milioni i danni dell'alluvione in Piemonte

Alle opere pubbliche. A cui sommare quelli subiti dai privati

Torino, 1 dic. (askanews) - Almeno 300 milioni di euro. Sono queste le stime dei danni dell'alluvione in Piemonte comunicate questa mattina alle commissioni opere pubbliche e ambiente del Consiglio regionale del Piemonte dal vice direttore delle opere pubbliche della Regione Piemonte, Andrea Tealdi e il responsabile della Protezione civile piemontese, Stefano Bovo. "Entro martedì prossimo - ha spiegato il vice direttore Tealdi - concludiamo il documento sull'evento alluvionale, un testo indispensabile per il Governo per la decretazione dello stato di calamità naturale. Nelle due alluvioni scorse (1994 e 2000) - ricorda - l'impatto complessivo è stato di oltre 1 miliardo di euro e anche per questa serviranno risorse adeguate. Sulla base della mia esperienza - precisa - non saranno meno di 300 milioni i danni alle opere pubbliche, senza considerare quelli ai privati.

(Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Almaviva, Zingaretti: non lasceremo soli i lavoratori
Mafia
Comm. Antimafia: dopo Corsico attenzione a Melegnano e Tribiano
Piemonte
Torino, sequestrati da Gdf 550mila ricambi d'auto contraffatti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire