lunedì 20 febbraio | 01:00
pubblicato il 13/gen/2017 18:11

Riparte concertazione alla milanese, convergenza su periferie

Sala: condivisione anche su internazionalizzazione della città

Milano, 13 gen. (askanews) - Un incontro di oltre due ore a Palazzo Marino tra Comune di Milano, parti sociali e produttive si propone di avviare una nuova stagione di concertazione alla milanese fatta di verifiche semestrali e tavoli tematici. E' il modello già adottato durante Expo 2015 che ha due linee guida: lo sviluppo dell'attrattività internazionale della città da una parte e l'attenzione per le periferie dall'altra. Due binari che tanto il Comune quanto i sindacati e le organizzazioni intendono tenere uniti. All'incontro hanno partecipato tra gli altri, oltre al sindaco Giuseppe Sala, il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, il segretario della Camera del lavoro Massimo Bonini e il segretario della Cisl milanese Danilo Galvagni.

"C'è stata una grande condivisione - ha detto il sindaco di Milano, Fiuseppe Sala, al termine dell'incontro - di quello che è il nostro progetto che si è sostanziato in 'Fare Milano', poi ognuno ha aggiunto i suoi suggerimenti e le sue esigenze. Ne è venuta fuori una richiesta, di tutti, di ragionare in termini di Città Metropolitana. È venuta fuori una richiesta di definire, ancora con più precisione, i tempi della nostra azione, però mi pare un atteggiamento molto positivo. Ci siamo lasciati con la promessa che questo Tavolo si riunirà semestralmente, per verificare l'avanzamento del nostro programma, ma sotto ci sono altri Tavoli, per esempio quello delle periferie, a cui parteciperanno quelle componenti che più avranno un ruolo attivo, come, ad esempio, i sindacati e la Camera di Commercio".

"Tutti condividono l'idea che bisogna, con la stessa intensità, lavorare sul gruppo internazionale della città. Abbiamo mostrato dei dati, che sono di oggi, che sono straordinari, di turismo: a novembre/dicembre abbiamo avuto +20% nella media, rispetto all'anno precedente. Veramente incredibile" ha aggiuntò Sala. Un banco di prova è il tentativo di ottenere dall'Ue il trasferimento a Milano dell'Agenzia europea del farmaco Ema. "Tutti sono convinti che sia una battaglia importante. Non sarà facile, sono tante le città che vorranno averla, ma tutti sono convinti che il tema delle periferie è centrale" ha continuato. Tra gli obiettivi c'è quello di offrire agli artigiani spazi comunali dismessi nei quartieri periferici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Soprintendente: su stadio Roma ministero può fare opposizione
Sicilia
Incendio a bordo di traghetto a Palermo, passeggeri tutti illesi
Viabilità
Quattro persone ferite in incidente sulla statale 16 a Polignano
Milano
Palme in piazza Duomo a Milano, fuoco a un albero nella notte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia