giovedì 23 febbraio | 11:28
pubblicato il 16/feb/2017 18:13

Meningite, ancora due casi in Lombardia. Avviata profilassi

Deceduta nella notte la donna ricoverata il 14 al San Raffaele

Milano, 16 feb. (askanews) - "Purtroppo la notte scorsa si e' verificato ancora un decesso per sepsi meningococcica. Si tratta di una donna, residente a Truccazzano, che martedi' scorso, 14 febbraio, era stata ricoverata presso il reparto di rianimazione dell'ospedale San Raffaele di Milano gia' in gravi condizioni. Non abbiamo ancora notizia del ceppo di meningococco che ne ha causato la morte, gli esami sono ancora in corso". Lo ha comunica l'assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera. "La donna - ha spiegato Gallera - di 49 anni, lavorava presso un'azienda della provincia di Monza e Brianza pertanto il personale del Servizio di Igiene Pubblica di ATS Citta' Metropolitana di Milano sta mettendo in atto tutti gli interventi di profilassi necessari in stretta collaborazione con ATS Brianza".

"La profilassi antibiotica - ha proseguito - e' gia' stata attivata nei confronti dei famigliari (4) e dei contatti stretti (12). In questo momento e' in corso un incontro informativo presso la sede parrocchiale al termine del quale il personale sanitario di ATS distribuira' il farmaco per la profilassi ai minori (37) ed agli adulti (23), individuati come contatti stretti. Siamo in attesa degli esiti dell'indagine epidemiologica per procedere ad un eventuale ampliamento dei contatti da sottoporre a profilassi".

"ATS Citta' Metropolitana di Milano - ha sottolineato l'assessore - in accordo con il sindaco di Truccazzano, ha provveduto ad inviare una nota per la cittadinanza con informazioni sulla malattia e sugli interventi di profilassi previsti.".

"Nella giornata di ieri, inoltre - ha spiegato ancora l'assessore Giulio Gallera - e' stata ricoverata presso l'ospedale Buzzi di Milano anche una bambina di 7 mesi per la quale e' stata, purtroppo, confermata una infezione meningococcica. Le sue condizioni cliniche sono attualmente ancora critiche. ATS Milano sta eseguendo, anche in questo caso, la profilassi dei contatti, limitati a famigliari e parenti dato che non frequentava comunita'. La bambina non e' iscritta al SSR, non ha un pediatra di libera scelta, e non ha fatto nessuna vaccinazione. Si tratta di una famiglia rumena che vive in un appartamento, nella quale non sono emerse evidenti situazioni di trascuratezza, ma di fragilita' sociale".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lazio
Fiumicino: inaugurato il Ponte del 2 giugno, 50 giorni di lavori
Yara
Caso Yara, testimone Bigoni a Oggi: madre Bossetti dice la verità
Taxi
Protesta Taxi, Federfarma Roma: siamo con loro
Lazio
Lazio, Zingaretti a Raggi: si faccia presto su Ponte della Scafa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech