giovedì 25 agosto | 13:23
pubblicato il 26/mar/2016 10:49

Maroni: con embargo alla Russia Lombardia perde un miliardo euro

Il presidente della Regione su Facebook: "Grazie Renzi"

Maroni: con embargo alla Russia Lombardia perde un miliardo euro

Milano, 26 mar. (askanews) - "A causa dell'embargo alla Russia la Lombardia ha perso piu' di un miliardo di euro nel 2015: grazie Europa, grazie Renzi!!!". Lo ha scritto, sul suo profilo Facebook, il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, allegando un lancio stampa di oggi, nel quale si riporta la stima, effettuata dalla Cgia di Mestre, dei danni economici conseguenti le sanzioni introdotte nel 2014 dalla Ue nei confronti della Russia, a seguito della crisi politico-militare con l'Ucraina. Per il Made in Italy si calcola un danno complessivo pari a 3,6 miliardi di euro. Secondo quanto diffuso dalla Cgia, la Lombardia "e' la regione che piu' ci ha rimesso, perdendo 1,18 miliardi del proprio export". Seguono Emilia Romagna (-771 milioni) e Veneto (-688,2 milioni).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoto
Terremoto Centro Italia: per donare numero solidale 45500
Terremoto
Terremoto, "Solo Affitti": 30.000 case sfitte, diamole a sfollati
Terremoti
Terremoto, Raggi ai romani: no raccolte caotiche generi soccorso
Terremoto
Terremoto Centro Italia, a Roma centri raccolta aiuti nei Municipi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Zika: studio mostra come provoca danni a cervello bimbi
Motori
Tesla annuncia nuove Model S e X con batteria per superdurata
Enogastronomia
Vendemmia, in Trentino partirà in lieve ritardo ma qualità ottima
Turismo
Ambiente, il 18 settembre la terza "Giornata del Panorama"
Sistema Trasporti
Caos a Heatrow, le valigie degli atleti sono tutte uguali e rosse
TechnoFun
Crittografia, Francia e Germania a Ue: serve accesso ai contenuti
Scienza e Innovazione
Ariane 5 lancia in orbita due satelliti per telecomunicazioni
Moda
Conti in rosso per Italia Independent di Lapo, aumento entro anno
Sostenibilità
Green Drop Award: a Venezia 73 sfilano attori e registi "green"