martedì 28 febbraio | 13:23
pubblicato il 13/gen/2017 19:01

Lega Nord partito razzista? Il gip: dirlo non è diffamazione -2

Milano, 13 gen. (askanews) - L'ex ministro dell'integrazione era stata attaccata con frasi razziste da alcuni dirigenti della Lega Nord, come l'ex vicepresidente del Senato Roberto Calderoli o l'europarlamentare Mario Borghezio. E' per questo, sottolinea ancora il gip Vicidomini, che "ha attivato plurime iniziative, facendosi portavoce di una battaglia politica per l'affermazione dei principi di non discriminazione razziale anche in ambito istituzionale". I due articoli che hanno spinto Salvini a querelarla, conclude il giudice milanese, vanno dunque "isolatamente e complessivamente considerati" e "rientravano pienamente nell'esercizio del diritto di critica politica" soprattutto perchè "le affermazioni della Kyenge (...) inerivano ad un più complesso discorso (...) relativo alla necessità di monitorare le modalità di attuazione della legge Mancino".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Campidoglio
Roma, Fassina: convegno su Gaza è sospeso per approfondire
Moda
La moda ricorda Franca Sozzani con messa a Milano, c'è anche Renzi
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech