mercoledì 18 gennaio | 13:18
pubblicato il 18/ott/2016 12:45

L'arte vista dai rotocalchi tra cultura, pop e divismo esasperato

Al Museo del Novecento di Milano la mostra "BOOM 60!"

L'arte vista dai rotocalchi tra cultura, pop e divismo esasperato

Milano, 18 ott. (askanews) - L'arte al tempo dei rotocalchi: è questo il focus della mostra "BOOM 60! Era arte moderna", inaugurata al Museo del Novecento di Milano. Un'esposizione distribuita in più spazi che prova a guardare a quanto accadeva in Italia tra la fine degli Anni Cinquanta e l'inizio degli Anni Sessanta dal punto di vista nazionalpopolare delle riviste illustrate. Mariella Milan è uno dei curatori: "In questa mostra - ha detto ad askanews - abbiamo cercato di raccontare come i rotocalchi presentassero l'arte moderna ai loro lettori e il linguaggio che usano mescola volentieri il linguaggio del divismo e delle celebrità e quello dell'arte, perché da un lato anche in tempi di boom del mercato e boom dei consumi, di arte si parla tanto, ma c'è sempre la necessità di offrire ai propri lettori i temi che tirano di più, quindi la celebrità funziona sempre".

Celebrità come Anna Magnani, o anche Eduardo De Filippo, e soprattutto Gina Lollobrigida, che sulle pagine dei rotocalchi fanno da tramite per un racconto sulla cultura contemporanea spesso venato di polemiche o di posizioni alla Alberto Sordi. Ma in ogni caso, e la mostra al Museo del Novecento in fondo racconta proprio questo, attraverso la comunicazione popolare si è formato anche un certo tipo di "sistema dell'arte".

"In quel momento - ha aggiunto Milan - nasce un sistema dell'arte milanese più moderno, nascono le prime aste organizzate in modo paragonabili alle grandi aste internazionali. Che poi in quel momento è quasi più un fenomeno di costume piuttosto che rilevante per il collezionismo successivo. Viene letto da qualche rivista quasi come un nuovo gioco di società".

Un gioco comunque importante, che coinvolge perfino Picasso oppure Lucio Fontana, sia nelle vesti di grandi artisti da raccontare, sia in quelle di protagonisti da gossip per i servizi illustrati. E in questa biunivocità, tra l'arte contemporanea - anche complessa - comunicata attraverso uno strumento di natura popolare e la fame di divismo delle riviste che sfruttano le immagini dei grandi quadri e dei grandi interpreti, si sente fluire il contributo più interessante, e non scontato, di "BOOM 60!".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Varese
Maxi-truffa resort 8 stelle in Belize, vip usati a loro insaputa
Roma
Roma, protesta studenti Righi e Tasso, ricevuti a Pal. Valentini
Fiera Milano
Il pm: dimissioni cda Fiera Milano sono solo mano vernice
Cucchi
Cucchi, legale carabiniere: lesioni non hanno causato morte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Ricerca, piccole balene cibo preferito da squalo estinto Megalodon
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa