venerdì 20 gennaio | 23:13
pubblicato il 13/gen/2017 14:45

Digitalizzazione in edilizia parte dal Demanio, patto con atenei

Politecnico Milano guida test tecnologia Bim su immobili pubblici

Digitalizzazione in edilizia parte dal Demanio, patto con atenei

Milano, 13 gen. (askanews) - La filiera delle costruzioni in Italia soffre di una progressiva perdita di produttività che deve essere interrotta con l'innovazione tecnologia basata sul modello digitale Bim, che ottimizza la pianificazione, la realizzazione e anche la gestione degli edifici, compresi quelli esistenti. E' quello che ha spinto l'Agenzia del Demanio, alla quale fanno capo 45.000 edifici dell'amministrazione centrale, a promuovere una collaborazione con il Politecnico di Milano, poi estesa alla Sapienza di Roma e alla Federico II di Napoli, per valorizzare il patrimonio immobiliare pubblico da una parte e contribuire dall'altra alla diffusione nel mondo privato di questo nuovo approccio al processo edilizio.

La sperimentazione è già partita con la Certosa di Pavia, oggetto di lavori di manutenzione straordinaria finanziati con 1,5 milioni dallo Sblocca Italia, e con il Palazzo di Giustizia della stessa città, che ricaverà nuovi spazi per uffici nei sottotetti, ma si sta allargando anche a Liguria, Toscana e Puglia. Un'altra palestra per le esercitazioni del Politecnico di Milano è la Villa Mirabellino di Monza, della quale è stato realizzato un modello virtuale Bim che permette la collaborazione di tutti i professionisti coinvolti nella riqualificazione: dai progettisti, agli appaltatori, all'investitore immobiliare, con un occhio di riguardo alla sostenibilità complessiva.

"Non è un sistema perfetto - ha ammesso il direttore dell'Agenzia del Demanio, Roberto Reggi -, ma in un Paese come l'Italia, che ha la necessità di recuperare l'esistente, visto che finalmente si va verso l'azzeramento del consumo di suolo, avere un sistema che permette di sapere tutto su un immobile è fondamentale. L'alternativa è il degrado". Tra le criticità c'è quella delle gare d'appalto, nelle quali la condivisione di tutti i dati potrebbe rendere difficile selezionare i migliori, "ma con incentivi adeguati è possibile sviluppare comunque una distinzione tra chi è più bravo e chi lo è meno. È un sistema selettivo di qualità su progetti, imprese e stazioni appaltanti" ha aggiunto Reggi. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Almaviva, Zingaretti: non lasceremo soli i lavoratori
Campidoglio
Roma, Dup: in Comune mancano 8.800 addetti. Oltre 2.600 vigili
Campidoglio
Roma, Dup: Metro C prosegue fino ai Fori. Stop tratta Clodio
Piemonte
Torino, sequestrati da Gdf 550mila ricambi d'auto contraffatti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4