domenica 04 dicembre | 15:50
pubblicato il 30/nov/2016 11:19

Via libera del Consiglio di Stato su decreto per lo spettacolo

Nel provvedimento la ripartizione delle risorse finanziarie

Roma, 30 nov. (askanews) - Il Consiglio di Stato, con sentenze n. 5035 e 5036 del 30 novembre, ha annullato le pronunce del TAR Lazio che avevano ritenuto illegittimo il decreto del Ministero dei beni culturali 1° luglio 2014 (cd. "decreto FUS"), contenente nuovi criteri per l'attribuzione di fondi a coloro che operano nel settore dello spettacolo dal vivo.

Il Consiglio di Stato - si spiega in una nota - ha negato la natura regolamentare del decreto ministeriale: si tratta di un atto amministrativo generale, emanato legittimamente dallo Stato in attuazione del principio di sussidiarietà. Il rispetto del principio di leale collaborazione con le Regioni è assicurato, difatti, nella fase di esercizio delle funzioni amministrative di attuazione, in linea con la giurisprudenza della Corte costituzionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carceri
Agente penitenziario in servizo al Cpa di Bologna tenta suicidio
Lombardia
Meningite, uccise da meningococco C le due studentesse milanesi
Commercio
Anci: impegno Renzi allineare scadenze concessioni a fine 2020
Roma
Giro (Fi): nel 2018 si voterà anche per il Campidoglio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari