domenica 22 gennaio | 15:57
pubblicato il 30/nov/2016 11:19

Via libera del Consiglio di Stato su decreto per lo spettacolo

Nel provvedimento la ripartizione delle risorse finanziarie

Roma, 30 nov. (askanews) - Il Consiglio di Stato, con sentenze n. 5035 e 5036 del 30 novembre, ha annullato le pronunce del TAR Lazio che avevano ritenuto illegittimo il decreto del Ministero dei beni culturali 1° luglio 2014 (cd. "decreto FUS"), contenente nuovi criteri per l'attribuzione di fondi a coloro che operano nel settore dello spettacolo dal vivo.

Il Consiglio di Stato - si spiega in una nota - ha negato la natura regolamentare del decreto ministeriale: si tratta di un atto amministrativo generale, emanato legittimamente dallo Stato in attuazione del principio di sussidiarietà. Il rispetto del principio di leale collaborazione con le Regioni è assicurato, difatti, nella fase di esercizio delle funzioni amministrative di attuazione, in linea con la giurisprudenza della Corte costituzionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
A Chieti 160 bambini intrappolati in hotel salvati da Carabinieri
Maltempo
Hotel Rigopiano: partita da Niguarda Milano squadra Usar
Maltempo
Hotel Rigopiano: il numero dei dispersi sale a 24
Lavoro
Almaviva, Zingaretti: giuste le rivendicazioni dei lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4