mercoledì 22 febbraio | 03:41
pubblicato il 12/gen/2017 18:46

Roma, studenti licei: al gelo e senza acqua, pretendiamo soluzione

"Acqua, riscaldamento, agibilità edifici sono irrinunciabili"

Roma, 12 gen. (askanews) - "Gelo nelle aule e niente acqua", gli studenti romani non ci stanno, e quelli dei licei Tasso e Righi guidano la protesta: "Pretendiamo una soluzione".

"Nei primi giorni di rientro a scuola, in tutta la città si sono verificati disagi a causa del freddo e della mancanza d'acqua negli istituti, nelle periferie e nel centro città", denunciano gli studenti dei due licei, raccontando ancora: "Nella prima giornata di rientro a scuola, il 7 gennaio, gli studenti del Tasso si sono trovati a fare lezione senza riscaldamento e, passato il weekend, le due giornate del 10 e 11 gennaio hanno visto entrambi gli istituti privi di acqua. Il problema che coinvolge i due istituti è un problema di tubature vecchie e di valvole, che si incastrano o ghiacciano e di una cisterna, che ha la funzione di contenere l'acqua, muffita".

E "la risposta che le presidenze hanno dato a questo problema è stata: non far entrare gli studenti il primo giorno ed evacuarli il secondo nel caso del Tasso, evacuarli entrambi i giorni nel caso della sede centrale del Righi"; quindi "gli studenti si sono trovati di fronte alla necessità di intraprendere un percorso collaborativo con le presidenze chiedendo un'assemblea straordinaria a scopo informativo per oggi, 12 gennaio, ma in entrambi i casi il dialogo è stato negato. Ed è stato negato perché si pensava che il problema sarebbe stato risolto nel pomeriggio di mercoledì, quando è stato effettuato un sopralluogo dell'istituto, ma due delle cisterne invece che essere aggiustate sono state danneggiate e l'acqua disponibile per gli istituti era dimezzata rispetto agli ultimi giorni". E "oggi - proseguono - noi studenti ci troviamo di fronte all'esigenza di cercare un'altra risposta. Una risposta che cerchi di risolvere il problema invece di aggirarlo". "Il bisogno di acqua e di servizi igienici - ricordano - è un bisogno che coinvolge componente studentesca, docenti e personale Ata. Per questo, riteniamo che la nostra protesta debba essere parallela a quella di tutte le componenti della scuola. Ma dal momento che la mancanza di acqua è uno dei problemi più impellenti che ci troviamo di fronte oggi, riteniamo la nostra risposta debba essere immediata".

Perché "l'acqua, come il riscaldamento, come l'agibilità degli edifici scolastici è un diritto a cui non siamo disposti a rinunciare". "Vogliamo, e pretendiamo - concludono gli studenti - una soluzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, M5S manifesta per consegnare delibera "no-stadio" a Raggi
Milano
A Segrate sorgerà la smart city Milano4You: progetto approvato
Taxi
Taxi, Lupi: mai visto sindaco in piazza con chi gli blocca città
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia