mercoledì 27 luglio | 19:04
pubblicato il 09/apr/2015 18:32

Rimpatriato in Romania Mailat, uccise a Roma Giovanna Reggiani

Sconterà l'ergastolo in un penitenziario della Romania

Roma, 9 apr. (askanews) - Rimpatriato in Romania Romulus Nicolae Mailat: picchiò e uccise Giovanna Reggiani, la sera del 30 ottobre 2007, aggredendola vicino alla stazione ferroviaria Tor di Quinto a Roma, e sconterà l'ergastolo in un carcere romeno.

La questura di Roma ha reso noto che personale del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia, Scip, della Direzione centrale della polizia criminale sta rimpatriando oggi in Romania il cittadino romeno Romulus Nicolae Mailat.

E - si spiega - "a seguito delle sentenze penali emesse dal Tribunale di Roma e nell'applicazione del principio del reciproco riconoscimento delle stesse, che irrogano pene detentive o misure privative della libertà personale ai fini dell'esecuzione nell'Unione Europea, quest'oggi lo Scip consegnerà a Bucarest Mailat alle Autorità romene, che sconterà la pena detentiva dell'ergastolo in un penitenziario della Romania".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fisco
Bergamo, giro di fatture false per 270 mln nel comparto dei filati
Rifiuti
## Rifiuti Roma, scontro Raggi-Ama: "Fortini pensi a lavorare"
Fisco
Roma, sequestrati beni per 450 mln: sigilli al porto di Ostia
Piemonte
Torino, Appendino riceverà Elkann venerdì in Comune
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sanità, innovazione tecnologica decisiva per sviluppo sistema
Motori
Auto, agli italiani non piace la decappottabile
Enogastronomia
Dal 3 al 5 settembre a Verona torna il festival Soave Versus
Turismo
Turismo, nasce il sistema della ciclovie nazionali
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Enerray si aggiudica bando Enel Gp in Brasile
Sostenibilità
Enel riconfermata nell'indice Ftse4Good
TechnoFun
Social media, Viravox monetizza le attività di condivisione
Scienza e Innovazione
Sonda Rosetta, interrotte le comunicazioni con il robot Philae
Sistema Trasporti
Renzi: il 22/12 Salerno-Reggio pronta, non si ride più di Italia