sabato 25 febbraio | 22:21
pubblicato il 01/dic/2016 15:19

Omicidio Nicole Lelli, 20 anni al marito: disordini in tribunale

Familiari e amici della vittima tentano aggressione

Roma, 1 dic. (askanews) - Una condanna a 20 anni di reclusione per un femminicidio e la furia di familiari e amici della vittima. E' stata una fine di mattinata intrisa di tensione nel tribunale della Capitale per il procedimento relativo all'omicidio di Nicole Lelli, 23 anni, uccisa con un colpo d'arma da fuoco nel novembre dello scorso anno, fuori da una discoteca di Testaccio. La pena stabilita dal giudice nei confronti di Yoandris Medina Nunez non ha soddisfatto i molti che oggi si erano dati appuntamento a piazzale Clodio, fissando anche degli striscioni all'ingresso della cittadella giudiziaria.

Il pm Edoardo De Santis aveva chiesto, in sede di requisitoria, l'ergastolo e questo aveva in qualche modo orientato i molti che si sono affollati fuori dall'aula della II sezione gup. Ma la decisione del giudice Claudio Carini di comminare 20 anni ha fatto scattare la rabbia. "Dovete darcelo a noi", ha gridato più di uno, saputa la sentenza. "Quello tra dieci anni esce... E' uno schifo". E poi: "Lo voglio linciare, fare a pezzi". In mezzo alla confusione di grida e spinte qualcuno ha anche lanciato una piccola bottiglia d'acqua verso il cordone di forze dell'ordine che era stato messo a protezione dell'aula. Già erano decine, a quel punto, i curiosi presenti nei corridoi.

Polizia, carabinieri ed agenti di polizia penitenziaria hanno faticato a tenere sotto controllo la situazione. "E' un maledetto, un maledetto", hanno continuato alcuni parenti. Solo dopo che la mamma ed il padre di Nicole hanno parlato e gridato di smetterla, di lasciare il tribunale, è stato possibile far uscire dall'aula i presenti e pian piano riportare le cose alla calma.

Secondo quanto ricostruito anche in aula Yoandris, 25 anni, era ossessionato da Nicole. Si erano lasciati dopo appena un anno dal matrimonio celebrato a Cuba. La ragazza aveva provato a lasciarlo tante altre volte prima di quel tragico sabato sera per i continui litigi e le botte subite da Nicole. Quella notte purtroppo però l'uomo l'aveva contattata mentre lei era in una discoteca di via Galvani. Una volta uscita dal locale Nicole ha trovato Yoandris armato di pistola che l'ha colpita alla testa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stadio Roma
Stadio Roma, Grassi: senza opere pubbliche è una trappola
Stadio Roma
Stadio Roma, c'è accordo ma il Codacons minaccia ricorso al tar
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Roma
Sparatoria a Roma, Santanchè: sindaca si occupi della città
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech