domenica 04 dicembre | 09:39
pubblicato il 12/feb/2016 16:57

##Comunali Roma,primarie centro-sinistra: parte corsa 6 candidati

Tetto di spesa 30mila euro e rendicontazione, il 6 marzo si vota

Roma, 12 feb. (askanews) - A Roma è partita la corsa dei sei candidati alle primarie del centro-sinistra per le elezioni a sindaco, primarie in programma il prossimo 6 marzo. "Sarà una campagna elettorale per le primarie sobria, con un tetto di spesa di 30.000 euro e l'impegno dei candidati alla rendicontazione puntuale. La campagna elettorale durerà fino al 6 marzo", ha spiegato il segretario del Pd Lazio, Fabio Melilli, aprendo oggi la presentazione dei dei candidati all'enoteca regionale "Palatium".

Sei i nomi in campo. Ci sono i big del Partito democratico Roberto Giachetti e Roberto Morassut (vice presidente della Camera, gioventù nei radicali, vicino a Renzi il primo; ex assessore veltroniano all'Urbanistica, cresciuto nel Pci, più legato alla sinistra del Pd il secondo); il senatore del Pd ed ex, tra l'altro, di CCD-UDEUR-Italia dei Valori Stefano Pedica; il generale e sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, deputato di Centro Democratico (eletto con Scelta Civica di Monti); il portavoce romano dei Verdi, già leader del "popolo viola", organizzatore del "No Berlusconi Day" del 2009, animatore di girotondi e sit-in al Parlamento, Gianfranco Mascia; la ragazza autistica Chiara Ferraro, 24 anni, che già nel 2013 si candidò con Marino alle comunali e che alle primarie è stata ammessa, con l'ok di tutti i candidati, pur avendo raccolto 1.013 firme sulle 2.500 necessarie.

GIACHETTI: VOGLIO ONORE, RIGORE E ONESTÀ - Giachetti non si è sbottonato sul suo programma ("sto girando molto la città, per me è un patrimonio di conoscenza straordinaria: ho promesso in questi giri che sto facendo che qualunque mia parola riguardo a programmi e idee per il futuro sarà direttamente condizionata dalle cose che sto ascoltando"), ma ha lanciato alcune priorità: "In questa campagna elettorale e nell'azione del prossimo sindaco devono trionfare parole come onore, rigore, determinazione e onestà. Poi ci vuole competenza e una grandissima umiltà. Siamo di fronte a una città che è in grandissima difficoltà e non possiamo immaginare di confenzionare soluzioni perchè magari ci portano nell'immediato qualche voto. Abbiamo di fronte una realtà molto difficile, ma anche - ha spiegato - una cittadinanza che ha voglia di riprendersi e il modo migliore per consentire che questo accada è ricreare un rapporto di fiducia che parta dalla realtà. Dobbiamo dire la verità su tante cose che ci troviamo di fronte e su alcune cose che nell'immediato non potremo fare anche se farebbe molto piacere farlo. Spero che anche il centro-destra faccia le primarie: è una scelta che dovrebbe espandersi il più possibile. I sondaggi negativi? Io i sondaggi non li guardo".

MORASSUT: STATUTO SPECIALE E RIVEDERE I 500MLN DALLO STATO - Dare a Roma uno statuto speciale, rivedere la norma sui 500 mln di euro l'anno girati dallo Stato al Comune di Roma per ripianare i debiti, ristrutturare il bilancio del Campidoglio puntando sugli investimenti sono invece le priorità di Morassut. "Leggo che mi sono candidato perchè spinto da qualcuno: evitiamo di trovare chiavi interpretative che non aiutano", ha chiarito. Secondo Morassut la prima priorità "è dare a Roma uno statuto e una condizione diversa, uno statuto speciale, che sia una regione nuova o una città metropolitana con poteri speciali, ma questo discorso va avviato". Inoltre per l'ex assessore c'è "il tema delle risorse" e "il tema di un rinnovato patto con lo Stato" sui 500 milioni di euro che lo Stato dà all'anno al Campidoglio per pagare i debiti, una "norma che va rivista: sono tasse dei romani, con un'aliquota Irpef alle stelle". Infine il capitolo bilancio del Comune, che secondo Morassut "è sperequato: una spesa corrente enorme, dispersiva, e una voce per conto capitale e investimenti che si è ridotta di tre volte dal 2008. Questa condizione va invertita".(Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Spettacolo
Ordine di Malta: Antonio Polese non era un cavaliere di Malta
Immigrati
Torino, presidio di Forza Nuova contro occupazione ex Moi
Carceri
Agente penitenziario in servizo al Cpa di Bologna tenta suicidio
Incidenti lavoro
Morto in azienda panettoni era assunto a tempo determinato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari