lunedì 27 febbraio | 17:10
pubblicato il 11/gen/2017 07:18

Cibercrime, indagato pure un poliziotto per favoreggiamento

L'agente avrebbe dato indicazioni non dovute agli Occhionero

Roma, 11 gen. (askanews) - Un poliziotto è accusato di favoreggiamento nell'ambito dell'inchiesta sul cybercrime per cui sono finiti in carcere Giulio Occhionero e la sorella Maria Francesca. L'agente, in particolare, avrebbe dato notizie utili all'ingegnere al centro della vicenda sul conto della stessa inchiesta giudiziaria. Come scrive il gip Maria Paola Tomaselli nell'ordinanza cautelare "dall'attività di intercettazione emerge la sussistenza di una rete di contatti che consente agli Occhionero di acquisire informazioni riguardo il presente procedimento di cui Giulio, in particolare, voleva conoscere i particolari e influenzare l'esito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Criminalità
A Napoli rapine e "cavalli di ritorno": 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Fassina: convegno su Gaza è sospeso per approfondire
Ilva
Puglia, Emiliano: Regione pronta a supportare lavoratori Ilva
Lombardia
Evasione fiscale, Gdf Pavia sequestra beni per oltre 800mila euro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech