lunedì 27 giugno | 15:04
pubblicato il 29/mar/2016 18:40

Caso Regeni, i genitori: è stato torturato, il governo agisca

Manconi chiede il "richiamo" dell'ambasciatore italiano al Cairo

## Caso Regeni, i genitori: è stato torturato, il governo agisca

Roma, 29 mar. (askanews) - Giulio Regeni è stato torturato e il suo volto era "piccolo piccolo" sul bancone dell'autopsia: la mamma del giovane ricercatore, ucciso in Egitto, lo ha riconosciuto "solo dalla punta del naso". La signora Paola lo ha raccontato nel corso di una affollata conferenza stampa in Senato, accanto al presidente della Commissione diritti umani di palazzo Madama Luigi Manconi. "Invitiamo il governo italiano a richiamare l'ambasciatore al Cairo - ha detto il parlamentare - nelle forme consentite e previste. Va avviata una revisione delle relazioni diplomatiche e consolari". E se non servisse - suggerisce - "c'è la possibile dichiarazione dell'Egitto come paese non sicuro. Sarebbe un chiaro segnale per i flussi turistici".

Il papà Claudio ha ricordato i successi accademici e scolastici del figlio, gli anni passati all'estero, lo studio negli Usa all'università del Mondo unito in New Mexico, ricordando che quando era partito per il Cairo, l'ultimo giorno che lo ha visto, era "soddisfatto, felice e sereno". Ma quel periodo è lontano. L'avvocato Alessandra Ballerini non fatica ad affermare con nettezza che Giulio era "un ragazzo pulito" smentendo le voci egiziane riguardo una dose di 'fumo' trovata accanto agli effetti personali, mostrati dal ministero dell'Interno egiziano in una foto, dopo il blitz nel covo della gang dei presunti rapitori, "l'ennesimo osceno depistaggio", come ha ribadito più volte il senatore Manconi.

"Quel vassoio d'argento lo respingiamo - ha sottolineato l'avvocato Alessandra Ballerini, che assiste la famiglia Regeni - abbiamo disconosciuto alcuni elementi che sono stati proposti e siamo in dubbio rispetto ad un portafoglio". In tutta questa storia l'unica terribile certezza è che Giulio è stato "torturato ed ammazzato, come succedeva nel nazifascismo, come fosse un egiziano, perché in Egitto non è un caso isolato", ha ricordato la madre. E se "i partigiani torturati sapevano che erano in guerra, lui non era andato in guerra, lui era andato solo a fare ricerca".

Nessuna operazione segreta. Meno che mai Giulio era una spia. "Avevamo contatti frequente, continui. Anche se lui viveva all'estero da tempo. Era solo un ricercatore, uno studioso", spiega il padre ai cronisti. Il "bel viso, sorridente, lo sguardo aperto" della foto più famosa gli è stata fatta da alcuni amici egiziani. "C'è anche un piatto di pesce nell'immagine... Perché Giulio amava vivere e non smetto più immaginare le cose che può aver detto al momento in cui è stato preso - spiega la signora Paola - avrà parlato in inglese, tedesco, francese, egiziano, conosceva tutto".

La commozione nella sala Nassiriya di Palazzo Madama si sente, si respira. "E la cosa che mi fa più male - aggiunge - è immaginare Giulio capire, capire che quella porta per lui non si sarebbe più aperta". Ora la madre di Giulio non ha neanche le lacrime: "Forse riuscirò a piangere quando saprò cosa è successo a mio figlio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Napoli, clan Lo Russo aveva anche monopolio pane: 24 arresti
Criminalità
Furti e rapine di auto e moto, conclusa l'operazione "Safety Car"
Corruzione
Appalti truccati al Comune di Benevento, 10 arresti
Roma
Roma, Di Maio: Raggi presenterà giunta a primo consiglio comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Farmaci, Molmed riceve ok condizionato CHMP per commercio Zalmoxis
Motori
Mazda, esordio europeo per la Mx-5 Retractable Fastback
Enogastronomia
Allegrini, il mercato mondiale non si ferma con la Brexit
Turismo
Avataneo (Aiav): agenti viaggio bocciano legge su Fondo Garanzia
Lifestyle e Design
Biennale di architettura, visioni per la città postindustriale
Energia e Ambiente
Rinnovabili, Calenda firma DM su incentivi non fotovoltaico
Moda
Milano Moda, Pal Zileri punta sulla pelle stampata
Scienza e Innovazione
Droni militari per sorvegliare Eurotunnel da intrusione migranti
TechnoFun
Cyber security, le richieste delle compagnie tech al governo Usa