venerdì 24 febbraio | 11:25
pubblicato il 30/nov/2016 11:32

Acer: la rivoluzione si fa in città ma Roma è in ritardo

Drammatica differenza tra la Capitale e il mondo

Roma, 30 nov. (askanews) - Le città del mondo "stanno provando a "progettare la loro rivoluzione". Crescere e competere, offrendo le migliori opportunità di lavoro e la migliore qualità della vita, "diventa una nuova utopia urbana che sta influenzando la pianificazione delle città europee e di altre parti del mondo". Ma l'Italia è in ritardo. "Dalla storia che la ricerca consente di raccontare e dalla comparazione con quello che molte città europee stanno facendo, emerge la drammatica differenza con la situazione in cui versa Roma e con il dibattito culturale che oggi la caratterizza". Suona un po' come un'ammonizione alla Capitale e alle sue isrituzioni uno dei messaggi centrali contenuta nella ricerca del Cresme, dal titolo "World Cities Vision 2030-2050. Come le città del mondo stanno ridisegnando il loro futuro" presentata nel corso dell'Assemblea Annuale dell'associazione dei costruttori romani Acer.(Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Lucherini (Pd): no a stadio Roma avrà ricadute sulla città
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Campidoglio
A Roma scuole dell'infanzia senza supplenti, l'ira dei genitori
Napoli
Assenteismo Napoli, un dipendente faceva lo chef a decine di km
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech