venerdì 20 gennaio | 17:47
pubblicato il 18/feb/2011 10:47

Wikileaks: Usa intervennero su Governo per no Alemanno ad Ogm

Colloquio con Letta che parla con Premier, stop proposta ministro

Wikileaks: Usa intervennero su Governo per no Alemanno ad Ogm

Roma, 18 feb. (askanews) - Preoccupati per la contrarietà di Alemanno, all'epoca ministro della Politiche agricole agli Ogm e dal danno che sarebbe derivato all'export Usa di sementi modificate dal provvedimento sulla coesistenza di colture, gli Usa sono intervenuti sul Governo e quel testo non è passato. E' quando si legge nei cables dell'Ambasciata Usa riferiti da Wikileaks e riportati in esclusiva dal gruppo Espresso. Il punto, si legge è proprio il "tentativo del ministro" Alemanno "di vietare la produzione di coltivazioni biotech in Italia attraverso l'approvazione di un decreto legge che limita la coesistenza (tra colture). Date le probabili conseguenze negative di questa proposta, quantomeno rispetto all'esportazione di sementi statunitensi in Italia, l'ambasciatore Sembler ha opposto forti obiezioni all'approccio del Ministro in alcuni colloqui separati, che si sono tenuti questo weekend: con il ministro degli Esteri Frattini (in data 10 novembre); con il consigliere di fiducia del primo ministro Silvio Berlusconi, il sottosegretario Gianni Letta; e con il Primo Ministro stesso, in una telefonata che ha avuto luogo nell'ufficio di Letta (l'11 novembre). Il sottosegretario e il Primo Ministro hanno assicurato all'Ambasciatore che, sia a livello tecnico sia politico, la proposta di decreto legge del Ministro Alemanno sarà bloccata. Fine del riassunto". "Letta - si legge ancora - ha spiegato che Alemanno ha subito pesanti pressioni dalla Commissione europea per abolire il cosiddetto Decreto Amato (che vietava la vendita di quattro varietà di mais geneticamente modificato, invece approvate dall'Europa). 'Ma sembra che lo stia facendo aumentando le restrizioni invece di diminuirle', ha aggiunto. L'ambasciatore ha pienamente concordato. In seguito ad alcune telefonate, Letta ha spiegato all'Ambasciatore che il decreto legge non era inserito nell'agenda settimanale del Consiglio dei ministri, e che quindi non era prevista nessuna azione imminente". "Quindi - prosegue il cable - Letta ha preso il ricevitore per fare un'altra telefonata, stavolta chiamando direttamente il primo ministro Berlusconi. Letta ha brevemente fatto il punto della situazione e dopo aver messo il telefono in modalità viva-voce ha passato la cornetta all'Ambasciatore Sembler. Dopo aver ribadito il suo continuo supporto al presidente Bush negli sforzi per la diffusione della democrazia nel mondo ed essersi augurato che l'Ambasciatore sia stato bene nel suo viaggio a Washington durante la visita del presidente Ciampi, Berlusconi ha quindi promesso che non avrebbe lasciato passare al consiglio dei ministri la proposta di decreto legge del ministro Alemanno per come gli era stata appena descritta. L'ambasciatore ha sinceramente ringraziato".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire