lunedì 20 febbraio | 16:57
pubblicato il 26/set/2014 10:38

Why Not: Mastella, De Magistris? No soddisfazione ma io umiliato

(ASCA) - Roma, 26 set 2014 - Con l'inchiesta Why Not svolta dalla Perocura della Repubblica di Catanzaro ''io sono stato umiliato e devastato. Dico che allora, e ancora oggi, le inchieste, specie se riguardano i politici, sollevano un'offensiva sia mediatica sia giudiziaria violenta, irresistibile, davanti alla quale l'indagato paga oltre ogni sua ipotizzabile colpa, e nella quale le procure su muovono ben oltre ogni prerogativa costituzionale''. Comunque per la condanna oggi dell'allora pm Luigi de Magistris, ora sindaco di Napoli, ''non provo nessuna soddisfazione''. Lo ha affermato in un'intervista a La Stampa l'ex ministro della Giustizia Clemente Mastella, che proprio a causa del suo coinvolgimento in quell'inchiesta dovette dare le dimissioni dall'esecutivo guidato da Romano Prodi (che cadde successivamente). ''Spero soltanto che la mia vicenda - ha continuato - dimostri che questo modo di fare e' disastroso.

Ci sono state due conclusioni: la mia fine di condannato in piazza e la fine di De Magistris condannato in tribunale. Ora a me che viene in tasca? Dopo di che, certo, se me lo avessero detto allora che le cose sarebbero andate cosi'...Adesso ricevo telefonate che mi fanno piacere, soprattutto da sinistra...''. Non da Di Pietro, ha chiarito, perche' ''che mi dovrebbe dire? Certo, se mi chiamasse e mi offrisse solidarieta' gli risponderei volentieri'. Di Pietro, ha ricordato Mastella, ''avallava ogni cosa venisse da una qualsiasi procura, e figuriamoci con De Magistris, tanto e' vero che dopo lo ha pure candidato alle Europee nell'Italia dei Valori: ecco, ci rendiamo conto? Quel governo cadde perche' doveva cadere, e Di Pietro aiuto'.

Io ero l'anello debole, quello da fare fuori''.

In ogni caso, ha sostenuto l'ex Guardasigilli, Matteo Renzi ''non avra' la forza, come si e' visto, di imporre una riforma''. Il punto e' che ''la politica e' tuttora troppo debole, ma vorrei dire a Renzi di trarre profitto dal momento. Ora anche i giudici non godono piu' del consenso di una volta: si siedano, ragionino su che fare. Sia messo in chiaro che nessuno vuole ridimensionare la magistratura, ma le si deve chiedere di agire con logica mitezza. Ancora oggi si spinge al di la' di qualsiasi limite, ed esercita un potere per il quale non risponde a niente e a nessuno. Io sono morto politicamente non per un'indagine, ma per un clima''. In quei giorni, ha aggiunto, ''il mio partito si sfaldo', ma sapete che scrisse il giudice delle indagini preliminari di Catanzaro? Che nei confronti di Clemente Mastella l'attivita' investigativa non sarebbe nemmeno dovuta cominciare. Non sono io quello che ha bisogno di riabilitazione''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Pd
Termina assemblea Pd, Orfini: "Congresso formalmente indetto"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia