martedì 24 gennaio | 16:26
pubblicato il 26/set/2014 10:38

Why Not: Mastella, De Magistris? No soddisfazione ma io umiliato

(ASCA) - Roma, 26 set 2014 - Con l'inchiesta Why Not svolta dalla Perocura della Repubblica di Catanzaro ''io sono stato umiliato e devastato. Dico che allora, e ancora oggi, le inchieste, specie se riguardano i politici, sollevano un'offensiva sia mediatica sia giudiziaria violenta, irresistibile, davanti alla quale l'indagato paga oltre ogni sua ipotizzabile colpa, e nella quale le procure su muovono ben oltre ogni prerogativa costituzionale''. Comunque per la condanna oggi dell'allora pm Luigi de Magistris, ora sindaco di Napoli, ''non provo nessuna soddisfazione''. Lo ha affermato in un'intervista a La Stampa l'ex ministro della Giustizia Clemente Mastella, che proprio a causa del suo coinvolgimento in quell'inchiesta dovette dare le dimissioni dall'esecutivo guidato da Romano Prodi (che cadde successivamente). ''Spero soltanto che la mia vicenda - ha continuato - dimostri che questo modo di fare e' disastroso.

Ci sono state due conclusioni: la mia fine di condannato in piazza e la fine di De Magistris condannato in tribunale. Ora a me che viene in tasca? Dopo di che, certo, se me lo avessero detto allora che le cose sarebbero andate cosi'...Adesso ricevo telefonate che mi fanno piacere, soprattutto da sinistra...''. Non da Di Pietro, ha chiarito, perche' ''che mi dovrebbe dire? Certo, se mi chiamasse e mi offrisse solidarieta' gli risponderei volentieri'. Di Pietro, ha ricordato Mastella, ''avallava ogni cosa venisse da una qualsiasi procura, e figuriamoci con De Magistris, tanto e' vero che dopo lo ha pure candidato alle Europee nell'Italia dei Valori: ecco, ci rendiamo conto? Quel governo cadde perche' doveva cadere, e Di Pietro aiuto'.

Io ero l'anello debole, quello da fare fuori''.

In ogni caso, ha sostenuto l'ex Guardasigilli, Matteo Renzi ''non avra' la forza, come si e' visto, di imporre una riforma''. Il punto e' che ''la politica e' tuttora troppo debole, ma vorrei dire a Renzi di trarre profitto dal momento. Ora anche i giudici non godono piu' del consenso di una volta: si siedano, ragionino su che fare. Sia messo in chiaro che nessuno vuole ridimensionare la magistratura, ma le si deve chiedere di agire con logica mitezza. Ancora oggi si spinge al di la' di qualsiasi limite, ed esercita un potere per il quale non risponde a niente e a nessuno. Io sono morto politicamente non per un'indagine, ma per un clima''. In quei giorni, ha aggiunto, ''il mio partito si sfaldo', ma sapete che scrisse il giudice delle indagini preliminari di Catanzaro? Che nei confronti di Clemente Mastella l'attivita' investigativa non sarebbe nemmeno dovuta cominciare. Non sono io quello che ha bisogno di riabilitazione''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4