martedì 21 febbraio | 20:42
pubblicato il 21/feb/2013 15:21

Welfare: Russo, a rischio trasferimento fondi per sociale a Regioni

(ASCA) - Napoli, 21 feb - ''Questo Governo prima di andar via non ha voluto rinunciare a fare un ultimo regalo ai cittadini italiani che si avvalgono dei servizi alla persona. Pare sia allo studio un decreto per recuperare 3 miliardi e mezzo di euro in tre anni dai trasferimenti regionali, 360 milioni soltanto per il primo anno''. L'assessore regionale campano all'Assistenza sociale, Ermanno Russo, lancia l'allarme sul rischio di revoca dei fondi nazionali gia' ripartiti alle Regioni per il sociale.

''Considerato che gli unici trasferimenti che le Regioni attendono per il 2013 sono quelli relativi al Fondo Nazionale Politiche Sociali, per la Campania 29 milioni di euro, e al Fondo per la Non Autosufficienza, alla Campania spettano 23 milioni di euro - continua Russo - c'e' da essere seriamente preoccupati. Un decreto di questo tipo suonerebbe come l'ennesima beffa da parte di questo Governo all'indirizzo di chi soffre e necessita di servizi''.

''Dopo una lunghissima e faticosa trattativa con il Governo, rappresentato dal ministro Fornero - aggiunge Russo - che e' stata condotta gomito a gomito con il presidente della Conferenza delle Regioni Errani, e dopo esser riusciti a strappare una somma minima, sicuramente inadeguata ma quantomeno utile a fronteggiare le emergenze piu' gravi, ora l'esecutivo Monti pensa di fare un clamoroso passo indietro sul welfare ed esporre le Regioni ad un vero e proprio linciaggio mediatico. L'intesa infatti e' gia' stata annunciata ad operatori e cittadini, dal momento che lo scorso 24 gennaio e' stato raggiunto l'accordo nella Conferenza Stato-Regioni''.

''Da italiano - sottolinea l'assessore - mi sento profondamente offeso al solo pensiero che chi siede in questo momento a Palazzo Chigi possa con tanta leggerezza bloccare un processo di rifinanziamento di un settore decisivo come il welfare in nome di un malinteso senso dell'austerita' e del rigore, che rischia di affamare ancor di piu' ceti e fasce di popolazione messe allo stremo dalla crisi, soprattutto al sud''.

''Non e' pensabile che le Regioni e gli Enti locali, in serie difficolta' finanziarie e oppressi dalla tagliola del patto di stabilita' interno, si facciano carico da soli della sostenibilita' e del finanziamento del sistema dei servizi alla persona'', conclude Russo.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia