lunedì 05 dicembre | 05:39
pubblicato il 20/feb/2014 19:14

Welfare: Regioni a governo, serve intesa quadro sulle politiche sociali

(ASCA) - Roma, 20 feb 2014 - La Conferenza delle Regioni, con un documento approvato oggi, ha espresso in Conferenza Unificata l'intesa per il riparto del Fondo Nazionale Politiche Sociali 2014 e del Fondo Non Autosufficienze 2014.

Il documento che e' stato illustrato dal Presidente del Molise Paolo di Laura Frattura (che oggi ha presieduto la Conferenza delle Regioni) e dall'assessore ligure Lorenza Rambaudi (che coordina la Commissione politiche sociali per la Conferenza delle Regioni) si configura anche come ''Intesa Quadro per le Politiche Sociali e per le non Autosufficienze'', preliminare all'intesa prevista all'articolo 13 del DLGS 68/2011, atta ad individuare i Livelli Essenziali delle Prestazioni cui lo Stato deve garantire per competenza adeguate risorse.

L'attuale situazione socioeconomica risente di una crisi che ha ha fra le diverse conseguenza un impatto forte per le Politiche ed ai Servizi Sociali.

Le Regioni - si legge nel documento della Conferenza - dopo un lungo lavoro di ricognizione e razionalizzazione delle attivita' svolte a livello locale, peraltro sostenuto anche dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, hanno individuato 5 Macro Obiettivi di Servizio: Servizi per l'accesso e la presa in carico dalla rete assistenziale; Servizi e misure per favorire la permanenza a domicilio; Servizi a carattere comunitario per la prima infanzia; Servizi a carattere residenziale per le fragilita'; Misure di inclusione sociale e di sostegno al reddito. Ambiti che possono rispondere bisogni dell'infanzia alle responsabilita' familiari, alle persone con disabilita' e a quelle non autosufficienti.

Le Autonomie Locali, pur con esigenze di maggior dettaglio, hanno condiviso la metodologia seguita per l'individuazione dei Macro Obiettivi e, anche da parte loro, si ribadisce l'esigenza di poter disporre di finanziamenti ''certi'', in modo da programmare con respiro la stabilita' del sistema sociale e sociosanitario per tutte quelle competenze che vanno ad integrarsi con il sistema della salute.

rus/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari