martedì 17 gennaio | 06:51
pubblicato il 29/gen/2013 14:53

Welfare: Camusso, tagliate le risorse ma il Paese non e' ripartito

(ASCA) - Roma, 29 gen - ''Il 75% della spesa in meno in questa epoca e' piu' o meno la relazione diretta con i non trasferimenti dallo Stato alle amministrazioni locali a questo fine, al quale bisogna aggiungere poi i tagli nazionali come ad esempio all'istruzione e alle pensioni. E' il segno di una politica che c'e' stata e che noi abbiamo cercato di contrastare: quella che ha pensato che tagliando lo stato sociale e l'intervento pubblico si faceva ripartire il Paese''. A dirlo Susanna Camusso, leader della Cgil. ''In realta' - ha aggiunto - si e' solo determinato che le persone stanno peggio''. bet/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello