mercoledì 22 febbraio | 00:46
pubblicato il 05/mar/2016 18:01

"Watergate grillino", Pd va all'attacco: stupisce silenzio M5s

Fi: quadro desolante. Parlamentari spiati da Casaleggio? Parlino

"Watergate grillino", Pd va all'attacco: stupisce silenzio M5s

Roma, 5 mar. (askanews) - "Watergate grillino", "Spectre", "Gulag", "Kgb", "inquietante spy story", "setta oscura". Nomi evocativi, a metà tra film e storia, a cui i vertici del Pd ma anche semplici parlamentari dem ricorrono per descrivere il presunto ultimo "scandalo" nel mondo Cinque stelle. Secondo quanto scrive, infatti, Il Foglio, la Casaleggio e associati avrebbe controllato le attività on line dei parlamentari M5s. Il quotidiano diretto da Claudio Cerasa cita il racconto di Tancredi Turco, ex deputato M5s, uscito a gennaio 2015, secondo il quale la società del guru del Movimento cinque stelle ha "accesso al nostro sistema di archiviazione e comunicazione interno, dove si depositano documenti".

Davanti a queste rivelazioni il Pd attacca ma i Cinque stelle, ad ogni livello, almeno fino a metà pomeriggio, tacciono. "Se confermate, le notizie apparse oggi sulla stampa di una sorta di watergate grillino architettato dalla società Casaleggio al fine di spiare i contenuti della piattaforma on line del gruppo parlamentare cinque stelle, sono di una gravità senza precedenti", osserva il capogruppo dem alla Camera Ettore Rosato. "Mi rivolgo alle istituzioni della Camera per sapere - aggiunge - come sia possibile che una società esterna possa controllare e spiare le mail e vari documenti di parlamentari. Mi aspetto che la presidenza della Camera, l'ufficio dei Questori vogliano chiarire quanto prima questa violazione della privacy anche al fine di valutare un eventuale intervento della magistratura". Per il vicesegretario Lorenzo Guerini, "che Casaleggio fosse il vero, oscuro e nascosto capo del M5s era già chiaro, ma è davvero inquietante leggere che spia i suoi parlamentari. La 'Spectre' al confronto sembra un'associazione di dilettanti".

Per Ernesto Carbone siamo al "gulag online pagato coi soldi dei contribuenti", mentre Emanuele Fiano osserva che "come nel caso di Quarto, stupisce il silenzio dei Cinque stelle. A partire dal direttorio e da Luigi Di Maio, tra l'altro vicepresidente della Camera. Non una parola per confutare o spiegare quanto apparso sui media, non una parola rispetto alla nostra richiesta di chiarezza. Infine, conclude il senatore Andrea Marcucci, "Casaleggio si è fatto il suo Kgb. Spiare i parlamentari e usare la corrispondenza per spaventare il dissenso sarebbero attività gravissime da fermare. Aspettiamo urgentemente chiarimenti dal M5S". Che finora non sono arrivati.

Infine anche Forza Italia, con l'europarlamentare Lara Comi, prende posizione. "Dell'ossessione di Casaleggio di tele-comandare ogni singolo passo dei parlamentari del Movimento 5 Stelle eravamo già a conoscenza, ma mai - spiega l'esponente azzurra - ci saremmo aspettati che arrivasse al punto di spiare le loro mail e i loro documenti intrufolandosi nel server del gruppo. L'amara verità che emerge da alcune notizie di stampa, se confermata, delinea un quadro davvero desolante".

Rincara la dose l'esponente Fi Osvaldo Napoli: "I parlamentari grillini sono dunque liberi di dire quello che Gianroberto Casaleggio pensa per loro. Ove trovasse ulteriori conferme, la spy story delle email dei parlamentari grillini controllate da Casaleggio si configurerebbe come la più violenta aggressione alla libertà parlamentare". "Ancora non si conosce una sola reazione dei parlamentari grillini a questa gravissima ipotesi di reato che li vede nelle vesti di vittime del loro stesso movimento. A mano a mano che si aprono squarci nell'universo concetrazionario del grillismo gli elettori avranno di che riflettere sui rischi che corrono la democrazia e la libertà in Italia. Grillo e Casaleggio si confermano ancora una volta personaggi inquietanti", conclude Napoli.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Pd, Emiliano: non faccio a Renzi il favore della scissione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia