domenica 26 febbraio | 23:26
pubblicato il 30/mag/2014 13:45

Visco: Boccia(Pd), ok diagnosi ma su occupazione ognuno faccia sua parte

Visco: Boccia(Pd), ok diagnosi ma su occupazione ognuno faccia sua parte

(ASCA) - Roma, 30 mag 2014 - ''Condivido le valutazioni sull'economia italiana e sulla politica monetaria in Europa fatte dal governatore Visco. Sarebbe pero' opportuno dall'intero sistema bancario, autorita' indipendenti comprese, un po' di sana autocritica sul merito di credito quando si parla di occupazione''. Lo dice il deputato del Pd Francesco Boccia, presidente della commissione Bilancio della Camera commentando la relazione del governatore di Banca d'Italia, Ignazio Visco. ''E' evidente a tutti - prosegue Boccia - che la crisi difficilissima che abbiamo attraversato, e che con fatica stiamo provando a metterci alle spalle, sia stata anche retta grazie alla solidita' del nostro sistema bancario. Ma e' sotto gli occhi di tutti che dopo questi anni difficilissimi il credito complessivo all'economia italiana e' in calo come confermato dallo stesso Visco. E se le imprese di maggiori dimensioni hanno accresciuto il ricorso al mercato obbligazionario, sfiorando nel 2013 i 40 miliardi di collocamenti, l'offerta di credito per le piccole imprese e' tuttora ristretta, difficoltosa e priva di un accesso diretto al mercato dei capitali. Tutto questo nonostante l'aiuto riconosciuto dallo stesso Visco avvenuto attraverso il fondo centrale di garanzia nel 2013 con prestiti per oltre 11miliradi e la normativa sull'ACE (aiuto alla crescita economia) rafforzata con la legge di stabilita' 2014 che ha contribuito a ridurre lo svantaggio fiscale del capitale rispetto al debito''.

''Se tutto questo - conclude Boccia -, ascoltando la relazione di Visco, potra' essere ulteriormente rafforzato attraverso l'impegno assunto oggi dallo stesso Governatore sui crediti alle Pmi, deve essere chiaro a tutto il sistema bancario italiano che in questi mesi non si deve e non si puo' decidere unilateralmente solo per esigenze specifiche di bilanci la modifica del merito di credito riducendo gli affidamenti alle imprese senza alcuna giusta causa. E' quello che sta continuando ad accadere in varie parti del paese; non puo' piu' essere consentito. Personalmente ritengo che se non dovessero arrivare impegni chiari dal mondo bancario nelle prossime settimane si dovrebbe poter intervenire normativamente per evitare che aziende sane e non insolventi si vedano ridurre gli affidamenti attuali solo a causa di differenti strategie finanziarie delle banche. Siamo ancora, come ha ricordato oggi lo stesso Governatore nella sua relazione, il Paese nel quale il credito bancario rappresenta il 64% dei debiti complessivi delle imprese''.

com-sgr/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech