domenica 04 dicembre | 14:04
pubblicato il 25/nov/2013 16:01

Violenza donne: Sereni, ognuno dica il suo no. La strada e' ancora lunga

Violenza donne: Sereni, ognuno dica il suo no. La strada e' ancora lunga

(ASCA) - Roma, 25 nov - ''Oggi e' la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. La battaglia contro questa piaga si combatte quotidianamente e penso che ognuno debba fare la propria parte perche' niente puo' giustificare o minimizzare un fenomeno odioso che nega la dignita' e la soggettivita' delle donne e che non di rado si origina in ambito domestico.

Possiamo dire di aver fatto in questa prima parte della legislatura dei passi avanti importanti, approvando in giugno la Convenzione di Istanbul e poco piu' di un mese fa la legge contro il femminicidio. Non sono stati passaggi semplici, ne' definitivi perche' affinche' la Convenzione diventi realta' e sia vincolante per i firmatari mancano le ratifiche di almeno altri cinque Stati. E perche' quanto siamo riuscite a far passare nel testo dell'11 ottobre non e' mai abbastanza per restituire la liberta' e la serenita' a tante donne, anche all'interno del contesto familiare''. Lo dice la vice presidente della Camera, Marina Sereni, nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

''La battaglia si combatte ogni giorno: in famiglia, nella scuola, nel lavoro, nei media. Insegnando ai propri figli e ai propri studenti il rispetto delle differenze e la parita' tra i generi; comportandosi con educazione, tatto e discrezione con le colleghe; non esponendo il corpo delle donne e non usando termini dispregiativi sui media vecchi e nuovi. La battaglia si combatte ogni giorno e in ogni parte del mondo - continua - e proprio in questa direzione vanno le iniziative che organizziamo qui alla Camera, oggi, con il reading del lavoro di Serena Dandini, ''Ferite a morte'', e giovedi' guardando alla situazione di un Paese lontano da noi. Il gruppo di contatto delle deputate italiane con le donne afghane, che ho il compito di coordinare, ha organizzato insieme ad ActionAid, che gestisce un progetto integrato per la riduzione della violenza contro le donne in Afghanistan, una giornata seminariale dal titolo: ''Afghanistan 2014, anno di svolta: bilancio e prospettive per le donne afghane''.

''Infine, la battaglia si combatte insieme, donne e uomini, perche' sono le donne a subirla e gli uomini a farla.

Per questo mi auguro che il ''noiNo', diventato lo slogan di alcuni uomini famosi -conclude - diventi un ''no' alla violenza da parte di tutti: fratelli, compagni di scuola, amici, fidanzati, mariti, sconosciuti...''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari