lunedì 05 dicembre | 22:29
pubblicato il 14/mag/2013 19:50

Violenza donne: Pd, a Camera mozione per ratifica Convenzione Istanbul

(ASCA) - Roma, 14 mag - ''Occorre che la Camera apra una sessione di dibattito sulla violenza contro le donne''. E' quanto chiesto in una mozione del gruppo democratico di cui e' primo firmatario il capogruppo Roberto Speranza. La mozione impegna il Governo a sostenere i progetti di legge di ratifica della Convenzione d'Istanbul e ad adottare misure di contrasto all'emergenza del femminicidio tra le quali: rendere omogeneo lo sviluppo di servizi idonei all'assistenza alle vittime di violenza sessuale e domestica presso i Pronto Soccorso ospedalieri; prevedere l'obbligo per questure e commissariati della presenza di una quota di personale competente in materia di delitti contro la personalita' individuale e la liberta' sessuale; individuare programmi di assistenza specifica dei minori che siano stati vittime anche se indirettamente di fenomeni di violenza domestica; finanziare il Fondo contro la violenza alle donne; istituire in tempi rapidi un Osservatorio permanente sulla violenza contro le donne, nel quale convergano flussi stabili di dati sulla violenza, provenienti dai vari ministeri coinvolti, ISTAT, centri antiviolenza, soggetti pubblici e privati; estendere la sfera di applicazione del permesso di soggiorno anche alle donne vittime di violenza; presentare alle Camere con cadenza annuale una relazione sullo stato d'attuazione della normativa e delle iniziative poste in essere da tutti i soggetti coinvolti. E' quanto si legge in una comunicazione dell'ufficio stampa del Pd, in cui viene poi sottolineato che la mozione e' stata sottoscritta, tra gli altri, da Fabrizia Giuliani, Barbara Pollastrini e da tutti i deputati Democratici della Commissione Giustizia, tra i quali la presidente Donatella Ferranti.

Giuliani ha spiegato che ''la violenza di genere e' un fenomeno di carattere universale, riguarda tutti i ceti sociali e colpisce donne di tutte le eta', etnie, religione e in alcuni casi puo' assumere il drammatico aspetto di violenza contro bambine; alla base della violenza di genere vi e' la concezione di impari rapporti di potere fra uomini e donne che minano le basi democratiche della societa' stessa.

Per questo un'efficace lotta alla violenza contro le donne non puo' prescindere dal coinvolgimento degli uomini e da un forte contrasto delle diseguaglianze economiche, sociali tra i generi e una vera a propria rivoluzione culturale sulla eguaglianza. Su tutto questo occorre riprendere un'approfondita discussione con tutte le forze politiche perche' occorre affrontare uno sforzo enorme per combattere un fenomeno intollerabile e dilagante'', ha concluso.

com-brm/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari