lunedì 20 febbraio | 00:43
pubblicato il 11/giu/2013 14:57

Violenza donne: Ferranti, indagine conoscitiva anche per quella via web

(ASCA) - Roma, 11 giu - ''La violenza verbale in rete anticipa spesso condotte criminose soprattutto nei confronti delle donne, come ci insegnano i recenti casi di cronaca.

Serve sicuramente un cambio di passo a livello culturale: il linguaggio violento della rete molte volte contribuisce ad alimentare un clima di tensione e aggressione''. Cosi' Donatella Ferranti, deputata del Pd e presidente della Commissione giustizia della Camera commenta la relazione annuale del Garante per la privacy, Antonello Soro, presentata alla Camera.

Ferranti ha poi annunciato che ''all'interno dell'indagine conoscitiva sulla violenza contro le donne all'ordine del giorno in Commissione giustizia della Camera, infatti, prenderemo in considerazione la possibilita' di un'audizione del Garante della privacy per cercare di monitorare tali condotte e individuare elementi utili per prevenire e reprimere quei casi di violenza del web che preannunciano atteggiamenti di violenza fisica', ha concluso.

com-brm/red/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia