domenica 04 dicembre | 19:52
pubblicato il 11/ott/2013 18:43

Violenza donne: Brunetta, ok conversione in legge, legislazione moderna

Violenza donne: Brunetta, ok conversione in legge, legislazione moderna

(ASCA) - Roma, 11 ott - ''Bene la conversione immediata in legge, da parte del Senato, del provvedimento sul femminicidio, approvato dal governo lo scorso 8 agosto, grazie soprattutto all'iniziativa del vicepremier e ministro dell'Interno, Angelino Alfano''. Lo afferma Renato Brunetta, presidente dei deputati del Pdl.

''La violenza sulle donne e' una pratica inaccettabile, contro la quale la societa' e le istituzioni devono quotidianamente combattere. E' giusto e sacrosanto inasprire le pene per chi si macchia di odiosi reati come lo stalking e il femminicidio: una novita' nobile e al passo con i tempi, per una legislazione moderna e vicina ai problemi della gente. Bene dunque dare una risposta concreta alla crescente domanda di sicurezza da parte delle donne e dei minori. Bene fare un lavoro di prevenzione e proteggere con decisione le vittime di questi assurdi reati'', conclude Brunetta.

com-ceg/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari