martedì 24 gennaio | 14:53
pubblicato il 29/mag/2013 09:20

Violenza donne: Boldrini, non e' raptus ma cosa radicata nella societa'

Violenza donne: Boldrini, non e' raptus ma cosa radicata nella societa'

(ASCA) - Roma, 29 mag - La violenza sulle donne ''non va liquidata come un raptus di un momento ma e' qualcosa di piu' radicato, oserei dire di strutturale della societa'''. Una cosa che quindi ''va affrontata con tutti gli strumenti che possediamo''. Lo afferma la presidente della Camera Laura Boldrini, nel suo intervento a Uno Mattina.

Boldrini chiarisce che ''la cultura del rispetto nasce a casa e nasce a scuola'' e quindi, e' il suo invito, ''basta con i ruoli predefiniti. Siamo diversi, ma possiamo fare le stesse cose. Crescere con questa mentalita' abbatte la soglia della violenza''.

Le associazioni di donne, i centri di ascolto, le case rifugio, non hanno strumenti, nota la presidente della Camera, e cosi' la donna ''a volte e' costretta a rimanere nell'ambito della violenza. Il problema che solo il 47% delle donne lavora vuol dire che e' meno autonoma, quindi e' meno libera di poter scegliere della sua vita, di poter andarsene''.

La violenza, continua nel suo ragionamento Boldrini, ''non e' frizione di famiglia'' e allora ''va riconosciuta. E la donna va assistita''. Questo perche', rileva il presidente, ''denunciare il proprio marito, il proprio compagno e' durissimo dal punto di vista psicologico. Per questo occorre che le donne vengano accompagnate: ci deve essere un percorso di tutela, altrimenti non ce la fa da sola a reggere e ritira la querela e ritorna a casa''. Boldrini dice di capire che possa esserci questo atteggiamento ma, aggiunge, ''non lo condivido. Perche' se un uomo e' stato violento una volta sara' violento ed e' impossibile credere che da solo possa cambiare, anche l'uomo va aiutato''.

La presidente della Camera sostiene che nella violenza alla donna molto conta la merceficazione del suo corpo. ''La mercificazione - spiega - non e' soltanto disdicevole di per se', ma se noi rendiamo la donna solo corpo, la oggettivizziamo, e' ovvio che da li' alla violenza il passo e' brevissimo. Quello che fa male - continua Boldrini - e' vedere che ci sono multinazionali, per esempio, che in Italia utilizzano pubblicita' che non si permetterebbero di usare mai in altri Paesi e in Italia lo fanno attraverso il corpo delle donne. Che qui fa vendere tutto. Dal dentifricio allo yogurt ai mobili alle automobili. Il corpo delle donne usato per promuovere qualsiasi prodotto, c'e' qualcosa che non va e che dovrebbe far riflettere''.

fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Grillo: legge elettorale sarà quella che deciderà la Consulta
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4