sabato 25 febbraio | 08:46
pubblicato il 08/ott/2014 18:45

Video-messaggio Papa a caritas Usa: Chiesa di poveri e per poveri

"No alla cultura dello scarto"

Video-messaggio Papa a caritas Usa: Chiesa di poveri e per poveri

Città del Vaticano, 8 ott. (askanews) - Nessuna persona è un avanzo e nessuno deve essere escluso dall'amore di Dio e dalla nostra sollecitudine. E' questo il cuore del videomessaggio che Papa Francesco ha inviato ai partecipanti alla riunione annuale delle Catholic charities degli Stati Uniti d'America, svoltasi dal 5 al 7 ottobre a Charlotte, North Carolina. Tema dei lavori: "Fissare il passo, cambiare la direzione".

Parlando in spagnolo, riporta l'Osservatore Romano, il Pontefice ha detto che come il buon samaritano e l'albergatore del noto episodio biblico ambientato tra Gerusalemme e Gerico (Luca, 10, 35) "siamo chiamati a essere nelle "strade" per invitare e servire coloro che sono stati lasciati fuori". Dobbiamo, ha aggiunto, "vedere l'immagine di Dio negli occhi di ogni persona". Citando a più riprese l'Evangelii gaudium, ha rilanciato l'idea della "cultura dello scarto" che invece di scandalizzare "addirittura viene promossa" e finisce per trasformare gli esclusi da sfruttati a rifiuti.

Descrivendo l'attività benefica delle Caritas statunitensi come "il motore della Chiesa che organizza l'amore", il vescovo di Roma ne ha elogiato l'opera di servizio al povero, alla persona sola, all'anziano rinchiuso in un istituto, alla giovane famiglia, all'adulto senzatetto, al bambino affamato, al giovane rifugiato, al padre migrante e a tanti altri individui bisognosi. In proposito ha detto che il lavoro degli organismi caritativi permette a queste persone "di conoscere e sperimentare l'enorme e abbondante amore di Dio per mezzo di Gesù Cristo". In proposito Papa Francesco ha paragonato gli operatori di carità e i volontari alle "stesse mani di Gesù nel mondo", la cui testimonianza "aiuta a cambiare il corso della vita di molte persone, famiglie e comunità". Infine il Pontefice ha incoraggiato le Charities a continuare nella loro azione, concludendo che "siamo chiamati a essere una Chiesa e un popolo dei poveri e per i poveri".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech