martedì 28 febbraio | 00:16
pubblicato il 03/mar/2011 12:35

Via libera del governo alle missioni umanitarie in Cirenaica e Tunisia

Serviranno all'assistenza sanitaria e per il rimpatrio dei lavoratori egiziani scappati dalla Llibia

Via libera del governo alle missioni umanitarie in Cirenaica e Tunisia

Roma, 3 mar. (askanews) - Il Consiglio dei Ministri ha approvato stamattina le due missioni italiane in Nord Africa: una, civile, prevede un'azione per il sostegno alle popolazioni colpite nelle rivolte che hanno interessato l'area della Cirenaica, in particolare le zone di Bengasi e a Misurata; l'altra, disposta "a seguito di una richiesta esplicita del governo tunisino e di quello egiziano", servirà a per contribuire al rimpatrio sicuro di alcune decine di migliaia di lavoratori egiziani scappati dalla Libia e che si trovano ora nei campi profughi gestiti finora solo dall'agenzia dell'Onu per i rifugiati. Questa missione, ha spiegato il ministro degli Esteri Franco Frattini, prevede un campo italiano in territorio tunisino, nel quale fornire "pronto intervento di assistenza alimentare, sanitaria (previsto anche l'invio di una task force di 5 elementi medici) a persone depredate di tutti i loro averi" per poi accompagnarli con il supporto terrestre delle forze tunisine con navi e aerei vero Alessandria e il Cairo. A questo scopo "l'armatore Grimaldi ha fornito un traghetto da 1.500 persone, il governo provvederà a noleggio di charter, per cui sono stati stanziati 5 milioni di euro". L'azione riguarderà "un'enorme quantità di persone: fino all'altro ieri avevamo registrato 77mila persone, il 70% egiziani, nella necessità anche di interventi medici di urgenza". Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha però spiegato che "La gestione del campo profughi creato dall'Italia in Tunisia non competerà al nostro Paese", perchè richiederebbe un impegno eccessivo per la messa in sicurezza e il controllo dell'area. Per quanto riguarda il controllo dei fklussi migratori verso il nostro Paese, infine, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha detto che l'Italia è pronta a collaborare con la polizia tunisina, "se ce lo chiederanno", per un controllo dei porti che al fine di fermare "il flusso migratorio". "L'Italia è disponibile a fornire mezzi e personale di polizia per un maggiore controllo dei porti della Tunisia" da cui partono gli immigrati diretti in Europa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech