martedì 06 dicembre | 14:00
pubblicato il 23/giu/2015 17:11

Via il carcere per i giornalisti, ok a norma ddl diffamazione

Multe fino a 50mila euro, norme valide anche per le testate online

Via il carcere per i giornalisti, ok a norma ddl diffamazione

Roma, 23 giu. (askanews) - L'Aula della Camera ha approvato l'articolo 1 del ddl diffamazione con 207 sì, 62 contrari e 5 astenuti. Il testo elimina la pena della reclusione per la diffamazione a mezzo stampa prevedendo soltanto pene pecuniarie.

La diffamazione a mezzo stampa (compresa quella relativa alle testate giornalistiche on line), stabilisce l'articolo 1 del ddl diffamazione, è punita con la multa da 5.000 a 10.000 euro; se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato falso, la cui diffusione sia avvenuta con la consapevolezza della falsità, la pena è della multa da 10.000 euro a 50.000 euro. La condanna per questo delitto comporta l'applicazione della pena accessoria della pubblicazione della sentenza e nelle ipotesi di recidiva si applica la pena accessoria dell'interdizione dalla professione di giornalista per un periodo da un mese a sei mesi. Non sono punibili l'autore dell'offesa o il direttore responsabile che provvedano alla rettifica.

L'articolo 1 inoltre estende l'ambito di applicazione della legge sulla stampa alle testate giornalistiche e on line registrate presso le cancellerie dei tribunali e modifica la disciplina del diritto di rettifica. Le dichiarazioni o le rettifiche della persona che si sia ritenuta lesa nella dignità, nell'onore o nella reputazione, devono essere pubblicate senza commento, senza risposta, senza titolo e con l'indicazione del titolo dell'articolo ritenuto diffamatorio, dell'autore dello stesso e della data di pubblicazione; ciò a meno che le dichiarazioni o le rettifiche non siano suscettibili di incriminazione penale o non siano inequivocabilmente false.

E' disciplinata anche la rettifica sulle testate giornalistiche on line precisando che gli obblighi di pubblicazione vanno assolti entro 2 giorni dalla richiesta (come i quotidiani cartacei), con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia rettificata. Per la mancata o incompleta ottemperanza all'obbligo di rettifica la sanzione va da un minimo di 8mila euro a un massimo di 16mila.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Alfano: pronostico elezioni anticipate a febbraio
Governo
Capigruppo Fi: impraticabile congelare crisi governo Renzi
Governo
Mattarella congela Renzi e attende Pd, crisi dopo la manovra
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Mantegna contro Margherita: la pizza cambia nome e si veste d'arte
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Luci di Natale: come smaltire quelle vecchie e tutelare l'ambiente
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni