mercoledì 25 gennaio | 00:57
pubblicato il 29/ago/2011 18:15

Vertice Lega-Pdl sulla manovra, 1000 sindaci protestano in piazza

Lunghissimo faccia a faccia Berlusconi-Bossi. Alemanno critico

Vertice Lega-Pdl sulla manovra, 1000 sindaci protestano in piazza

Arcore, 29 ago. (askanews) - Lunghissimo faccia a faccia tra Silvio Berlusconi, Umberto Bossi e lo stato maggiore della maggioranza ad Arcore per trovare l'intesa sulla manovra. Il Senatur è arrivato a Villa San Martino poco prima delle 11, prima di lui nella residenza del Cavaliere era giunto anche il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli, seguito da folte delegazioni dei due partiti, tra i quali il segretario del Pdl Angelino Alfano e il capogruppo al Senato Maurizio Gasparri. Ma mentre la maggioranza cerca la quadra sui numeri della manovra i sindaci italiani sono scesi in piazza per protestare contro la sforbiciata da diversi miliardi di euro agli enti locali, contenuta nel maxi decreto di Ferragosto che il parlamento si appresta ora a discutere. Oltre mille primi cittadini hanno sfilato a Milano dietro allo striscione "Giù le mani dai Comuni". "Questa manovra va azzerata, altrimenti non siamo in grado di fornire servizi ai cittadini", ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno. Una protesta indetta dall'Anci e del tutto trasversale agli schieramenti politici. In piazza, dal Pirellone fino alla Scala c'erano anche il sindaco di Torino, Piero Fassino, della Provincia di Milano Guido Podestà, dal sindaco di Torino Piero Fassino, dal sindaco di Verona Flavio Tosi e dal primo cittadino di Roma Gianni Alemanno. "Bisogna tagliare i costi dello Stato centrale", ha detto Tosi, "cosa che finora non è mai stata fatta. Noi non ce la facciamo più, bisogna prendere le risorse dove ci sono". L'accordo sulla manovra, assicurano fonti della maggioranza, è stato già trovato. La sensazione però è che il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, molto scettico sull'ipotesi di aumento dell'Iva, sia ancora da convincere sui dettagli e solo dal vertice di Arcore si capirà se la maggioranza è stata in grado di superare lo scoglio. L'aumento dell'Iva il ministro lo aveva già messo in conto per coprire gli eventuali buchi dovuti alla delega fiscale e difficilmente Tremonti accetterà che l'intera somma così recuperata venga usata solo per ridurre i tagli ai comuni o "ammorbidire" il contributo di solidarietà, che dovrebbe scattare solo da 180-200mila euro in su. C'è poi la "patrimoniale" ipotizzata dalla Lega che però, avverte un dirigente Pdl di primo piano, "dovrà essere esaminata nella sua praticabilità". L'unica cosa che pare certa, perché è condizione irrinunciabile per la Lega, è che non verranno toccate le pensioni. Di sicuro, non si potrà contare sul sostegno dell'opposizione, vista l'intransigenza del Pd e il no di Pier Ferdinando Casini: "E' sparito il clima di coesione nazionale e non voto una manovra senza riforme".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Grillo imbavaglia i suoi: parlate se autorizzati o andate via
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4