venerdì 24 febbraio | 07:02
pubblicato il 20/nov/2013 12:00

Vertice Italia-Francia:_la Tav è una priorità

Impegno comune per ottenere cofinanziamento comunitario

Vertice Italia-Francia:_la Tav è una priorità

Roma, 20 nov. (askanews) - I governi di Italia e Francia "considerano la nuova linea Lione-Torino un cantiere aperto di cui sottolineano il carattere prioritario della realizzazione". E' quanto si legge nelal dichiarazione congiunta firmata da Enrico Letta e Francois Hollande al termine del bilaterale italo-francese. Per questo, prosegue la dichiarazione, "i due Governi si felicitano della conferma, rinnovata il 17 ottobre scorso dalla Commissione Europea, dell'allocazione dei cofinanziamenti previsti dalla Unione europea (fino ad una percentuale del 50% per gli studi, le indagini geognostiche ed i lavori preparatori e fino al 40% per i lavori definitivi), allorquando i due Paesi avranno indicato ufficialmente l'impegno previsto e destinato a livello nazionale alla realizzazione dell'opera. I due Paesi ricordano che questo sostegno finanziario è indispensabile alla realizzazione dell'opera". I due Governi "sottolineano l'importanza degli obiettivi raggiunti dai due Paesi, in particolare la ratifica dell'accordo di Roma del 30 gennaio 2012, la cui autorizzazione per l'approvazione è stata adottata dal Parlamento francese ed è in corso al Parlamento italiano; l'accordo ottenuto sulla governance e gli statuti del futuro promotore pubblico; l'avvio degli scavi della galleria geognostica della Maddalena". I due Governi si impegnano dunque "ad adottare sin da questo momento tutte le misure necessarie per ottenere il co-finanziamento comunitario ed in particolare a presentare nel 2014 alla Commissione una domanda congiunta per ottenere il sostegno europeo al tasso massimo per il periodo 2014-2020" e "confermano la necessità di proseguire l'utilizzo dell'attuale Autostrada Ferroviaria Alpina e si impegnano ad avviare le procedure idonee a garantire il passaggio, al più tardi nel 2015, dalla fase sperimentale alla fase definitiva del servizio con l'obiettivo di continuità del rapporto modale transalpino". Per questo "si impegnano a finalizzare nel più breve tempo possibile la gara di appalto per l'aggiudicazione del servizio definitivo così come le procedure in vista dell'approvazione dell'Accordo Internazionale del 9 ottobre 2009. Essi garantiscono a tale scopo i rispettivi finanziamenti nazionali dei servizi transitorio e definitivo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech