domenica 22 gennaio | 20:16
pubblicato il 19/mar/2015 16:59

Vertice con Renzi,Lupi verso dimissioni dopo informativa Camera

Domani alle 11 ministro in aula. Boschi: poi valuteranno i gruppi

Vertice con Renzi,Lupi verso dimissioni dopo informativa Camera

Roma, 19 mar. (askanews) - Maurizio Lupi avrebbe ormai deciso: non ci sono più le condizioni per restare ministro delle Infrastrutture. Pur convinto delle sue ragioni, l'esponente dell'Ncd, a quanto raccontano diverse fonti parlamentari, avrebbe ormai preso atto della posizione di Matteo Renzi e del Pd. Ulteriormente decisivo l'incontro di questa mattina a palazzo Chigi: chi in queste ore ha contatti col ministro, racconta che mentre "ieri sera era molto determinato ad affrontare le Camere", oggi - dopo il vertice col premier - "sembra voglia valutarne l'opportunità". Ma che Lupi, "uomo di Parlamento" sottolinea un suo collega di partito, possa rinunciare all'ultima difesa in Aula sembra difficile. In ogni caso, il 'se' dimettersi non pare più in discussione. Resta da decidere il 'quando'.

Quello che appare ormai certo è che non si arriverà a votare la mozione di sfiducia individuale messa in calendario per martedì. Già ieri dal Pd spiegavano che "è impossibile per noi votare una mozione dell'opposizione", ma certo il lasso di tempo che i regolamenti hanno fissato tra la presentazione della mozione di sfiducia e la sua votazione (non meno di tre giorni) è quello necessario a a far comprendere la sfiducia di fatto anche da parte della maggioranza. Da qui la richiesta del Pd di fissare l'informativa domani alle 11: al termine della quale i Dem espliciterebbero i loro dubbi sull'opportunità che Lupi resti al suo posto. Concetto che il ministro Maria Elena Boschi affaccia così: "I gruppi potranno decidere in autonomia".

Tradotto: da parte del governo non verrà nessuna richiesta di difendere il ministro. Un percorso ormai chiaro anche a Lupi. E anche all'Ncd, che ad esempio con Renato Schifani - interpellato su una possibile rottura nella maggioranza a causa delle dimissioni del ministro - dice: "Prima di parlare di rottura vediamo come evolve la situazione, ma ricordo che da parte nostra ci siamo attenuti sempre ad uno spirito di lealtà e collaborazione in tutti i passaggi politici, anche i più delicati, così come va detto che è stato sempre leale Renzi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4