sabato 03 dicembre | 19:21
pubblicato il 24/gen/2014 12:00

Verdini incontra Pd:ok Fi a modifiche Italicum ma non preferenze

Si ragiona su soglia 35% per il premio e sbarramenti 5% e 8%

Verdini incontra Pd:ok Fi a modifiche Italicum ma non preferenze

Roma, 24 gen. (askanews) - Altra giornata di incontri sulla riforma della legge elettorale. Questa mattina Denis Verdini il plenipotenziario di Fi sulle riforme ha incontrato la delegazione di tecnici del Pd composta da Roberto D'Alimonte, Maria Elena Boschi e Lorenzo Guerini. Poi il coordinatore azzurro a Montecitorio ha parlato brevemente anche con il ministro delle Riforme Dario Franceschini. Da Fi sarebbe arrivata un sostanziale via libera ad alcune concordate modifiche al testo presentato in commissione ma un no categorico alle preferenze. Dopo l'uscita di ieri di Enrico Letta sulla "necessità di introdurre meccanismi di scelta per gli elettori" infatti il tema è tornato al centro del dibattito preoccupando gli alleati azzurri. Non a caso questa mattina proprio Franceschini ha voluto chiarire che il tema dell'introduzione delle preferenze non esiste. Le possibili correzioni di cui si discute invece riguardano la soglia del 35% per ottenere il premio di maggioranza che da più parti (piccoli partiti e minoranza Pd) si chiede di alzare e le soglie di sbarramento per entrare in Parlamento, 5% per i partiti in coalizione e 8% per quelli che corrono da soli. Verdini ha successivamente riunito i vertici del gruppo Fi alla Camera e altri incontri si stanno svolgendo a vari livelli anche negli altri partiti. Questa mattina i membri del Pd della i commissione si sono visti per fare il punto sulla linea da tenere sugli emendamenti e l'orientamento sarebbe quello di procedere ancora una volta con modifiche a tre firme, ossia sottoscritte da i tre contraenti dell'intesa sulla nuova legge elettorale, Pd-Ncd e Fi. Altro tema da dirimere a breve, visto che il testo sta per essere adodattato dalla commissione è quello dell'allegato A, ossia la parte della legge che stabilisce chi disegnerà i collegi plurinominali che dovrebbe essere risolto con un compromesso tra delega al governo e parere della commissione parlamentare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Riforme
Referendum, Grillo: Paese spaccato, vincere o perdere è uguale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari