martedì 21 febbraio | 18:33
pubblicato il 12/giu/2014 12:00

Verdi fuori da opzioni per attivisti M5S, la base non gradisce

Sul blog c'è chi minaccia di andarsene e chi chiede: via Grillo

Verdi fuori da opzioni per attivisti M5S, la base non gradisce

Roma, 12 giu. (askanews) - "E i Verdi dove cazzo sono? E questa sarebbe democrazia?" Firmato Antonio M. E' il testo di uno dei tanti commenti critici pubblicati sul blog ufficiale del Movimento 5 stelle Beppegrillo.it, dopo che nella votazione on line per gli attivisti sulla scelta del gruppo al quale iscrivere gli europarlamentari stellati non è stata inserita la possibilità di votare per i Verdi. Agli attivisti è consentita l'opzione per Efd, il gruppo che fa perno sull'Ukip guidato da Nigel Farage, e l'Ecr, il gruppo guidato dai conservatori inglesi. In alternativa, si può anche chiedere ai vertici di optare per la non iscrizione a nessun gruppo, cosa che però a Strasburgo-Bruxelles comporta una notevole riduzione del margine di intervento degli eletti. Le votazioni on line si chiuderanno alle 19 I commenti sul blog di Grillo attorno alle 13.30 erano oltre seicento, e pur non avendo pretese di precisione statistica, appare abbastanza evidente una prevalenza di valutazioni negative della scelta dei vertici del movimento. Ci sono anche commenti convinti e in qualche caso entusiasti: "Fate una ricerca su google per vedere chi sono realmente i verdi....semprechè sappiate usare un motore di ricerca !!!!!", scrive, senza lesinare i punti esclamativi Gennaro Giugliano da Napoli. "Fatto!!! La prima volta che vidi farage fù su youtube nel 2012, la famosa invettiva a Van Rompuy che si rivela, ancora e sempre, lo spezzone degno di un film girato dalla gente che vuole i suoi rappresentanti a sedere in quelle grandi sale", dice invece Sergio Vezzoni. "La votazione finale si è trasformata in una farsa", osserva invece Susanna Panicucci, che si presenta come "un'attiva della prima ora, a Pomezia". "Caro Beppe, ti stimo come persona e seguo il m5s sposando il 90% delle battaglie condotte fino ad oggi. Sono a favore di Farage con l'alleanza in Europa, ma il fatto che tu non abbia tenuto in considerazione i Verdi mi delude e non poco", avverte G. Contartese. Anche Stefano Terrin è un "allineato" deluso: ha seguito il suggerimento di Grillo, "Ho votato EFD perché fedele alla linea del M5S e perché mi fido", dice, ma aggiunge: "Avrei preferito che ci fosse stata la possibilità di avere una rosa più ampia di candidati, magari usciti da una discussione on-line come avviene per le proposte di legge". Più radicale la reazione di Andrea A., da Bologna: "Ma Grillo - scrive - è impazzito! E' stato pagato per distruggere il movimento? O minacciato? L'opzione dei verdi non presa neanche in considerazione? CI DEVE SPIEGARE PERCHE' !!!!! Se no se ne deve andare!". Minaccia addirittura la scissione Marco E.: "Nessuna delle 3 opzioni che hai inserito (perché sappiamo che siete tu e Casaleggio a deciderle) è accettabile", ammonisce, e prosegue: "Basta giochini e dirottamenti. Qui vogliamo applicare un vero modello di democrazia dal basso. Altrimenti ce lo costruiamo altrove. E allora saluta pure il 20%. Intesi?".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia