giovedì 08 dicembre | 07:27
pubblicato il 23/ago/2013 10:29

Ventotene: 70 anni fa i confinati lasciavano isola. Qui nacque l'Europa

Ventotene: 70 anni fa i confinati lasciavano isola. Qui nacque l'Europa

(ASCA) - Roma, 23 ago - Era il 23 agosto del 1943 quando gli ultimi confinati dal regime fascista di Benito Mussolini, ad un mese di distanza dalla caduta della dittatura fascista, lasciavano l'isola di Ventotene che, insieme a Ponza e molte altre piccole isole, era stata terra di confino per quasi 2300 avversari del regime, molti i comunisti, ma anche tutti i soggetti considerati in qualche misura deviazionisti rispetton alla vigente ideologia fascista. Ponza e Ventotene ospitarono, nel corso degli anni, alcune migliaia di confinati. Un confino preventivo, quello mussoliniano, perche' non avveniva come punizione in seguito ad un'azione considerata illegale ma sul semplice presupposto di essere considerati avversari del regime.

A Ventotene finirono molti politici noti: Sandro Pertini, socialista e futuro presidente della Repubblica, Pietro Secchia, dirigente del Partito comunista italiano, Altiero Spinelli, considerato uno dei promotori del federalismo europeo, Luigi Longo futuro segretario del Pci, Umberto Terracini futuro presidente dell'Assemblea costituente, Giorgio Amendola, Lelio Basso, Mauro Scoccimarro, Giuseppe Romita, Eugenio Colorni, Camilla Ravera, Giuseppe Di Vittorio.

Proprio a Ventotene, negli anni '40, infatti, Spinelli, insieme ad Ernesto Rossi, giornalista e antifascista italiano, scrisse il cosiddetto 'Manifesto di Ventotene'. 'Per un'Europa libera e unita. Progetto d'un manifesto', questo il titolo originario, e' il primo documento ufficiale in cui si delinea l'esigenza dell'istituzione di un'Unione Europea di stampo federalista, con una sola moneta unica, un unico esercito europeo e una sola politica estera europea. Il testo venne pubblicato nel 1944 da Eugenio Colorni che ridusse a 3 i 4 capitoli iniziali: il primo (La crisi della civilta' moderna) e il secondo (Compiti del dopoguerra.

L'unita' europea) interamente elaborati da Spinelli, come anche la seconda parte del terzo (Compiti del dopoguerra. La riforma della societa'), mentre la prima parte di quest'ultimo e' stata definita da Rossi.

Il documento spingeva verso la creazione di una forza politica al di fuori dei partiti classici: questo fu uno dei motivi che spinse alcuni politici, tra cui Pertini, a rimuovere la propria firma dal testo su pressione del proprio partito. Questa forza politica venne poi fondata dallo stesso Spinelli nel 1943 e prese il nome di Movimento federalista europeo.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni