sabato 03 dicembre | 00:04
pubblicato il 16/mag/2014 20:41

Veneto/alluvione: Zaia, Cdm stanzia 27 mln? Segnale insufficiente

Veneto/alluvione: Zaia, Cdm stanzia 27 mln? Segnale insufficiente

(ASCA) - Venezia, 16 mag 2014 - Nella seduta odierna, il Consiglio dei Ministri ha stanziato 27 milioni per danni a privati, attivita' e opere a seguito della dichiarazione di stato d'emergenza per gli eventi atmosferici eccezionali che hanno colpito il Veneto a gennaio e a febbraio dell'anno corrente. Il provvedimento fa seguito alle procedure di dichiarazione dello stato di crisi gia' attivate a livello regionale.

In particolare, il Presidente del Veneto aveva comunicato nelle settimane scorse la stima definitiva dei danni, comprensiva degli eventi alluvionali e delle eccezionali nevicate che si sono abbattute sulla montagna veneta nel periodo natalizio, per un totale di oltre 553 milioni di euro.

Per quanto riguarda la sola neve nel Bellunese, i Comuni avevano segnalato danni per 15 milioni a privati, alle attivita' economiche e produttive e alle attivita' agricole, 19 milioni per interventi di somma urgenza a opere pubbliche e infrastrutture da parte dei Comuni stessi e 29 milioni per interventi di somma urgenza a opere pubbliche e infrastrutture da parte di altri enti (Veneto strade, Gestori telefonia, Enel, Provincia, Sistemi Territoriali, ecc.) per un totale di circa 63 milioni di euro.

Per fronteggiare le spese di prima emergenza, la Giunta regionale aveva stanziato l'11 febbraio 2 milioni, con 130 mila euro destinati alla rimozione delle acque di falda emerse dal terreno di cui100 mila per finanziare iniziative che consentissero la ripresa dell'attivita' turistica in montagna.

In aprile aveva poi stanziato 7 milioni e mezzo per la sistemazione degli arenili erosi e danneggiati dal maltempo e richiesto la declaratoria ministeriale di eccezionale avversita' relativa a danni alle opere di bonifica per oltre 96 milioni.

Un'ulteriore deliberazione regionale ha riguardato la richiesta di declaratoria per i danni al settore agricolo.

Nel Consiglio dei Ministri dell'11 aprile 2014 e' stato dichiarato lo stato di emergenza, senza pero' che venisse disposto lo stanziamento di fondi. Con Legge nazionale n. 50 del 28 marzo 2014 e' stata disposta la sospensione del pagamento dei tributi e dei versamenti contributivi per quanti abbiano avuto l'inagibilita', anche temporanea, della casa di abitazione, dello studio professionale, dell'azienda o dei terreni agricoli.

''Prendiamo atto della decisione odierna del Governo - ha affermato il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia - che considero pero' soltanto un segnale rispetto ai finanziamenti che ci servono per ripristinare i danni e ritornare alla normalita'. Un segnale del tutto insufficiente - ha aggiunto Zaia - che dal punto di vista dell'entita' rappresenta all'incirca il 5 per cento di quello che occorre. Non e' questo il corretto rapporto tra il Governo e una terra che ogni anno lascia 21 miliardi di residuo fiscale attivo a Roma, verosimilmente destinati a chi spreca. Non e' questo il modo di rapportarsi con un Regione che ha 1 miliardo 300 milioni bloccati in tesoreria per l'iniquo patto di stabilita'. Non e' questo il metodo di procedere con una Regione che, prima in Italia, ha adottato un piano complessivo di interventi per la difesa idrogeologica e la sicurezza idraulica, elaborato dal prof. Luigi D'Alpaos, che indica in 2,7 miliardi il fabbisogno per ridurre significativamente i rischi''.

''A Treviso il presidente del Consiglio Matteo Renzi ci aveva detto che eravamo sulla strada giusta e ha aggiunto di avere 2 miliardi per il dissesto idrogeologico che non sa come spendere. Bene - ha ribadito il Governatore del Veneto - gli rinnovo l'invito a darli ai veneti che sanno gia' come investirli. In alternativa, liberi dal patto di stabilita' le risorse per questo piano che e' indispensabile per garantire futuro in sicurezza al nostro territorio e alla nostra gente, che produce ricchezza anche per gli altri''.

''La battaglia quindi continua - ha concluso il Presidente del Veneto - affinche' venga stanziata interamente la somma richiesta e affinche' venga riconosciuto al Veneto e al suo sistema produttivo ed economico quanto gli spetta''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari