giovedì 19 gennaio | 14:08
pubblicato il 08/set/2014 12:30

Vendola: subito piano straordinario per sicurezza territorio

Questa e' la vera grande opera, stop al cemento (ASCA) - Roma, 8 set 2014 - "I politici non sono degli scienziati, ma hanno bisogno di connettere i luoghi della politica e del governo ai luoghi della conoscenza, dello specialismo e dei saperi. Siamo di fronte, ogni giorno e sempre di piu', a problemi complessi e non ci sono risposte semplici a fatti straordinariamente complicati; ci sono risposte competenti, che consentono di guadagnare l'orizzonte del cambiamento".

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo questa mattina, presso l'Aula Magna del Politecnico di Bari, alla cerimonia inaugurale del 34esimo Convegno nazionale di Idraulica e costruzioni idrauliche.

"Oggi - ha spiegato il Presidente Vendola - il mondo e in modo particolare l'Italia e' chiamata ad un salto culturale importante. Quello che abbiamo visto sul Gargano, la quantita' di pioggia che normalmente cade in un anno precipitata in soli quattro giorni, ci dice inequivocabilmente che la mutazione climatica non e' un'invenzione dei salotti letterari. Sta cambiando tutto: cambia il clima e cambia la natura e dobbiamo abituarci a convivere e ad essere preparati ad eventi metereologici estremi".

Inoltre, secondo Vendola "non e' possibile immaginare che se in un anno mediamente ci sono danni per tre miliardi di euro, causati dagli eventi metereologici estremi, ogni anno ci sono interventi di riparazione per soli trecento milioni. Questa e' la dimostrazione del fatto che un piano straordinario di messa in sicurezza del territorio, di riassetto idrogeologico, di cura delle coste e' la piu' grande opera pubblica di cui ha bisogno il nostro Paese".

C'e' poi una terza questione affrontata dal Presidente della Regione Puglia durante i lavori del convegno. "Stop al cemento.

Non si puo' maledire il cielo, quando e' il cemento che blocca il decorso naturale dei corsi d'acqua. Il sovraccarico di urbanizzazione che vi e' in alcuni territori delicati e' la causa del disastro. Penso che anche questo, in un'Italia che nel tempo si e' abituata ai condoni e alle sanatorie, debba spingerci ad un cambio di mentalita'. Il territorio non e' una docile preda per le stagioni di caccia dei cementificatori. Il territorio e' il luogo della nostra vita: va curato, conosciuto e amato".

Pol/Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina