mercoledì 07 dicembre | 22:09
pubblicato il 08/set/2014 12:30

Vendola: subito piano straordinario per sicurezza territorio

Questa e' la vera grande opera, stop al cemento (ASCA) - Roma, 8 set 2014 - "I politici non sono degli scienziati, ma hanno bisogno di connettere i luoghi della politica e del governo ai luoghi della conoscenza, dello specialismo e dei saperi. Siamo di fronte, ogni giorno e sempre di piu', a problemi complessi e non ci sono risposte semplici a fatti straordinariamente complicati; ci sono risposte competenti, che consentono di guadagnare l'orizzonte del cambiamento".

Lo ha detto il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo questa mattina, presso l'Aula Magna del Politecnico di Bari, alla cerimonia inaugurale del 34esimo Convegno nazionale di Idraulica e costruzioni idrauliche.

"Oggi - ha spiegato il Presidente Vendola - il mondo e in modo particolare l'Italia e' chiamata ad un salto culturale importante. Quello che abbiamo visto sul Gargano, la quantita' di pioggia che normalmente cade in un anno precipitata in soli quattro giorni, ci dice inequivocabilmente che la mutazione climatica non e' un'invenzione dei salotti letterari. Sta cambiando tutto: cambia il clima e cambia la natura e dobbiamo abituarci a convivere e ad essere preparati ad eventi metereologici estremi".

Inoltre, secondo Vendola "non e' possibile immaginare che se in un anno mediamente ci sono danni per tre miliardi di euro, causati dagli eventi metereologici estremi, ogni anno ci sono interventi di riparazione per soli trecento milioni. Questa e' la dimostrazione del fatto che un piano straordinario di messa in sicurezza del territorio, di riassetto idrogeologico, di cura delle coste e' la piu' grande opera pubblica di cui ha bisogno il nostro Paese".

C'e' poi una terza questione affrontata dal Presidente della Regione Puglia durante i lavori del convegno. "Stop al cemento.

Non si puo' maledire il cielo, quando e' il cemento che blocca il decorso naturale dei corsi d'acqua. Il sovraccarico di urbanizzazione che vi e' in alcuni territori delicati e' la causa del disastro. Penso che anche questo, in un'Italia che nel tempo si e' abituata ai condoni e alle sanatorie, debba spingerci ad un cambio di mentalita'. Il territorio non e' una docile preda per le stagioni di caccia dei cementificatori. Il territorio e' il luogo della nostra vita: va curato, conosciuto e amato".

Pol/Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Pisapia: pronto a unire sinistra fuori da Pd, dialogo con Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni